Pubblicato in: Finanza e Sistema Bancario, Persona Umana, Sistemi Economici

Italia. 394,000 con patrimonio finanziario sopra il milione.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-07-04.

Dürer Albrecht. Jacob Fugger, il Ricco. 1519. Staatsgalerie Altdeutsche Meister, Augsburg

Nel 2017 sono state censite 307mila famiglie con patrimonio finanziario superiore al milione.

Italia. 307mila (1.2%) famiglie controllano il 20% della ricchezza finanziaria.

Ad oggi sarebbero stimabili a 394,000.

Un milione di euro sono sicuramente una gran bella cifra, ma tenendo conto di un tasso di interesse medio attorno al 3% la resa netta di un milione in prodotti finanziari si aggira attorno ai 24,000 euro all’anno. Troppo poco per poter definire ricchi i proprietari.

La Ricchezza. Domandiamoci cosa sia.

«Si potrebbe definire ricca la persona che goda delle seguenti caratteristiche.

(1) Avere disponibilità tali da potersi permettere personale stipendiato addetto esclusivamente alla propria persona od interessi personali, quindi, oltre l’usuale personale domestico addetto alle pulizie ed alla cucina, ed agli eventuali dipendenti sul lavoro. Alcuni esempi potrebbero meglio chiarire quanto detto. Un segretario/segretaria personale oppure l’autista potrebbero essere esempi concreti.

(2). Non avere necessità ordinarie, in accordo al proprio stato sociale, che richiedano l’uso completo delle rendite, per cui una quota più o meno consistente di esse venga reinvestita in quanto non utilizzata. Ossia, che i beni produttori di reddito si auto sostengano nel tempo. La ricchezza che genera ricchezza in un circolo virtuoso.»

Usando una definizione di questo tipo, il livello di entrate nette varia in funzione del tenore di vita: assumendo una persona normale, né prodiga né troppo parsimoniosa, si potrebbe dire che sia ‘ricco‘ chi abbia entrate nette per almeno 240,000 euro l’anno. Con interessi netti del 2%, sarebbe necessario un capitale finanziario di circa dieci milioni di euro. Entrate nette minori giustificherebbero più propriamente il termine di ‘benestante‘.

* * * * * * * * * * *

Intanto, ricordiamo alcune definizioni usate in campo internazionale.

«What is a ‘High Net Worth Individual – HNWI’

High net worth individual (HNWI) is a classification used by the financial services industry to denote an individual or a family with high net worth. Although there is no precise definition of how rich somebody must be to fit into this category, high net worth is generally quoted in terms of liquid assets over a certain figure. The exact amount differs by financial institution and region.

The most commonly quoted figure for membership in the high net worth club is $1 million in liquid financial assets.

An investor with less than $1 million but more than $100,000 is considered to be “affluent” or perhaps even “sub-HNWI.”

The upper end of HNWI is around $5 million, at which point the client is then referred to as “very HNWI.”

More than $30 million in wealth classifies a person as “ultra HNWI.”» [Fonte]

*

Ricapitolando e ricordando che si tratta solo di asset liquidi di persone fisiche.

– Affluent ovvero sub-Hnwi: 100,000$ – 1,000,000$;

– Hnwi: 1,000,000$ – 5,000,000$;

– very Hnwi: 5,000,000$ – 30,000,000$;

– billionaires: più di un miliardo di Usd.

*

«Global wealth reached $201.9 trillion on equities, soft dollar»

*

«the rich are getting richer faster»

*

«The 28 Eastern Europeans in the Bloomberg Billionaires Index have a total net worth of $294 billion »

*

«In North America, which had $86.1 trillion of total wealth, 42 percent of investable capital is held by people with more than $5 million in assets. Investable assets include equities, investment funds, cash and bonds.»

*

«The U.S. is home to the largest number of people with more than $100 million. Globally, the ranks of the ultra-rich are expected to reach 671,000 by 2022.»

*

«The Middle East was the region with the greatest share of wealth held in investable assets —- $3.1 trillion of a total $3.8 trillion.»

*

«Western European residents held 56 percent in currency and deposits, while in North America the emphasis was on equities and investment funds, with 62 percent of $47 trillion of investable wealth parked in those assets»

*

«Nel 2017 l’analisi Bcg ha stimato in 394mila gli italiani milionari, cioè coloro che hanno un patrimonio finanziario di almeno un milione di dollari»

* * * * * * * *

Alcune considerazioni sorgono spontanee.

– La stima del controvalore degli asset liquidi – azioni e bond – dipende dalle quotazioni dei titoli e dei cambi. In un quadro sostanzialmente stabile le stime sembrerebbero essere corrette, ma si tenga presente che  turbolenza sono pur sempre possibili.

– Nei momenti di turbolenze anche severe, usualmente i ricchi riescono a perdere percentualmente meno dei meno doviziosi soprattutto per l’accesso ad informazioni di prima mano: informazioni che spesso consentono non solo di evitare le perdite, ma anche di trarne guadagni.

– Usualmente, i ricchi sanno utilizzare i consulenti finanziari e ed i tributaristi per razionalizzare il carico fiscale. Ricordiamo semplicemente come un consulente povero impoverisce il cliente.

– Se oltre un secolo di cultura socialista ha lasciato il retaggio di considerare la ricchezza quasi un reato, un furto, ed ha postulato che lo stato avesse il compito di ‘ridistribuire‘ la ricchezza, sarebbe da ricordare come siano proprio i ricchi i principali contributori agli investimenti produttivi, gli unici in grado dia generare ricchezza e posti di lavoro.

– Il problema quindi non si pone nel vituperare e cercare di depauperare i ricchi, quanto piuttosto di poter dare a tutti l’opportunità di guadagnare e mettersi da parte qualcosa secondo possibilità.


Bloomberg 24 Ore. 2018-06-15. Millionaires Now Control Half of the World’s Personal Wealth

– Global wealth reached $201.9 trillion on equities, soft dollar

– Fastest growth in Asia, where fortunes increased 19% last year

*

The rich are getting a lot richer and doing so a lot faster.

Personal wealth around the globe reached $201.9 trillion last year, a 12 percent gain from 2016 and the strongest annual pace in the past five years, Boston Consulting Group said in a report released Thursday. Booming equity markets swelled fortunes, and investors outside the U.S. got an exchange-rate bonus as most major currencies strengthened against the greenback. 

The growing ranks of millionaires and billionaires now hold almost half of global personal wealth, up from slightly less than 45 percent in 2012, according to the report. In North America, which had $86.1 trillion of total wealth, 42 percent of investable capital is held by people with more than $5 million in assets. Investable assets include equities, investment funds, cash and bonds.

“The fact that the wealth held by millionaires as a percentage of total wealth is increasing does not mean that the poor are getting poorer,” Anna Zakrzewski, the report’s lead author, said in an emailed statement. “What it means is that everyone is getting richer. Specifically, we believe that the rich are getting richer faster.”

Last year’s big winner was China, which now ranks second globally in terms of financial wealth after overtaking Japan in the past five years, Zakrzewski said. While China trails only the U.S. in the number of millionaires and billionaires, the biggest driver of growth in the Asian country was its so-called affluent segment, or those with $250,000 to $1 million of investable assets.

“China will continue to experience similar growth as in the past and this will mean that over the next five years, there will be more wealth created in China than in the U.S.,” she said, adding the number of millionaires there is expected to grow four times as fast as in the U.S.

Without the boost from a weakening dollar, the global wealth gain would have been 7 percent. The region that benefited the most from currency appreciation was Western Europe, where a 15 percent advance in U.S. dollar terms shrinks to 3 percent in local currency.

Eastern Europe and Central Asia had the greatest concentration of wealth at the top, with billionaires alone holding almost a quarter of investable assets. The 28 Eastern Europeans in the Bloomberg Billionaires Index have a total net worth of $294 billion, which includes a gain of $3.4 billion so far in 2018.

Wealth is also highly concentrated in Hong Kong, where individuals with more than $20 million hold 47 percent of investable riches.

Money in investment funds and publicly traded equities gained the most, while bonds were the only core asset class to post negative growth last year, falling 7 percent.

Top-Tier Wealth

The U.S. is home to the largest number of people with more than $100 million. Globally, the ranks of the ultra-rich are expected to reach 671,000 by 2022.

The Middle East was the region with the greatest share of wealth held in investable assets —- $3.1 trillion of a total $3.8 trillion. Western European residents held 56 percent in currency and deposits, while in North America the emphasis was on equities and investment funds, with 62 percent of $47 trillion of investable wealth parked in those assets.

If personal wealth creation continues at the rate of the past few years, Boston Consulting projects a compound annual growth rate of about 7 percent from 2017 to 2022, in U.S. dollars. Events like stock market corrections and geopolitical uncertainties could knock that down to 4 percent.

In a worse-case scenario, such as a major economic crisis, global wealth might produce a compound growth rate of only 1 percent over five years, the study found. 


Sole 24 Ore. 2018-06-15. Super ricchi: balzo del 12% a livello mondiale. E l’Italia è in crescita

Dodici per cento. È l’ennesimo balzo in avanti che ha fatto la ricchezza finanziaria nel 2017 a livello mondiale.

Non solo. È cresciuta più del doppio rispetto all’anno precedente, quando era aumentata del 4%. Degno di nota è anche il fatto che questo incremento è il più alto degli ultimi cinque anni. Stiamo parlando a livello complessivo di una montagna di denaro pari a di 201,9 mila miliardi di dollari americani, attribuibile agli individui con patrimoni superiori al milione di dollari.

Italia all’ottavo posto

In uno scenario ottimistico di crescita, la ricchezza finanziaria personale globale potrebbe aumentare a un tasso annuo composto di circa il 7% tra il 2017 e il 2022. Continuano a guidare la classifica Stati Uniti con 80mila miliardi, Cina con 21mila miliardi e il Giappone con 17mila miliardi. L’Italia registra una crescita del 3%, totalizza 5mila miliardi di dollari e si aggiudica l’ottava posizione per ricchezza finanziaria. Sono queste alcune delle evidenze emerse dalla rapporto annuale sulla ricchezza mondiale di The Boston Consulting Group (Global Wealth 2018: Seizing the Analytics Advantage), giunto alla 18esima edizione.

Asia al top per crescita

Che la ricchezza finanziaria cresca in Asia non è una novità. Da anni infatti alcuni paesi come Cina, HongKong, Taiwan e Sud Corea segnano questo trend di crescita tra i più alti nel mondo. Ma quello che ha fatto la differenza tra il 2016 e il 2017 è l’impatto dell’andamento delle valute. Se infatti guardiamo la crescita della ricchezza a cambi costanti l’Asia ha registrato un +12%, il Nord America un +7% e l’Europa occidentale il +3%. Ma se invece si analizza la crescita a cambi variabili, la regione con la miglior performance è ancora l’Asia in generale che segna +19%, seguita dall’Est Europa e Asia Centrale con +18%. In questo scenario l’Europa occidentale batte il Nord America in termini di crescita, rispettivamente +15% e +8%.

In Italia 394mila milionari

Per quanto riguarda l’Italia il nostro paese segna una crescita in linea a quella europea, registrando un aumento del 3%. Ma in prospettiva secondo l’analisi di Bcg l’incremento dovrebbe passare al 5% annuo tra il 2018 e il 2022. Un altro driver determinante di crescita è stato l’andamento dei mercati azionari in tutte le principali economie – con la ricchezza in equity e fondi di investimento che ha registrato la crescita di gran lunga più forte. Nel 2017 l’analisi Bcg ha stimato in 394mila gli italiani milionari, cioè coloro che hanno un patrimonio finanziario di almeno un milione di dollari. Entro il 2022 le stime prevedono che la ricchezza personale degli italiani possa toccare 7mila miliardi di dollari.

Il divario ricchi-poveri aumenta

Nel mondo il divario tra ricchissimi e poveri aumenta. Ma in alcuni paesi cresce anche la classe media. Tra i segmenti più attrattivi per chi fa wealth management ci sono infatti gli individui con ricchezze sopra i 20 milioni (upper hnwi) e quelli con ricchezze tra i 250 mila e il milione (affluent) perché sono i segmenti che crescono di più.
Nel 2017 i super super ricchi (chi ha più di 100 milioni investiti) e coloro che hanno patrimoni tra i 20/100 milioni detenevano ricchezze sopra in 26mila miliardi di dollari investiti (su un totale di 201mila miliardi). Gli Usa si aggiudicano il primato di ricchezza perché più del 30% di questi due segmenti risiede nel nuovo continente. Super super ricchi sono anche in Cina, Hong Kong, India, Russia, Brasile, Germania che per questo si aggiudica il terzo posto in assoluto tra i paesi più ricchi al mondo, Francia e Italia. E sono soprattutto i super paperoni americani a detenere partecipazioni di aziende quotate e non: il 61% del loro patrimonio contro il 52% di quello dei paperoni europei e il 37% del patrimonio degli asiatici. Supera gli Usa con il 7,5% di penetrazione di milionari la Svizzera, segue il nuovo continente Hong Kong con il 3,8%. Nella zona euro è in assoluto il Lussemburgo ad avere la penetrazione più alta con 2,2% delle popolazione.

Annunci