Pubblicato in: Bergoglio, Religioni

Arabia Saudita. Rapporto epocale con il Vaticano.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-05-12.

2018-05-07__Tauran__001

Se la diplomazia vaticana può vantare duemila anni di storia, quella mussulmana ne vanta millequattrocento. Solo la diplomazia cinese potrebbe vantare un retaggio storico di questo livello.

L’attività diplomatica si fonda sull’avere idee molto chiare e realistiche, sul conoscere bene usi, costumi ed esigenze della controparte, e, soprattutto, sul silenzio.

Non esiste né può esistere attività diplomatica degna di tal nome laddove si intenda utilizzare comunicati roboanti. Nessuna persona sana di mente si permetterebbe di parlare apertamente a tutto tondo con una controparte querula. Poi, qualche illazione potrà ben sfuggire, sia ben chiaro, talora anche artatamente, ma questo sarebbe solo segno di un uso politico improprio della diplomazia.

Il cardinale protodiacono Tauran, Camerlengo di Santa Romana Chiesa, è una vecchia volpe che unisce il candore della colomba alla furbizia di un serpente. Ha una cultura molte tacche sopra la norma, laurea  in utroque, una solidissima carriera diplomatica svoltasi nei punti nevralgici del mondo, specie poi durante la guerra in Iraq, dopo essere stato nunzio a Santo Domingo e quindi in Libano. Inter alias è membro della Commissione di Vigilanza sullo Ior e della Commissione Referente sul medesimo istituto.

«Un incontro senza precedenti ha caratterizzato mercoledì 18 aprile la visita in Arabia Saudita del cardinale Jean-Louis Tauran, presidente del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso, ricevuto nel palazzo reale da sua maestà il re Salman Bin Abd Al-Aziz, che ha anche il titolo di custode delle due sacre moschee delle città sante musulmane Medina e La Mecca»

*

«Inoltre il porporato — che a Riad è accompagnato dal vescovo segretario del dicastero, Ayuso Guixot, e dal capo-ufficio per l’islam, monsignor Akasheh — ha incontrato il ministro degli Affari esteri Adil al-Jubayr. La delegazione vaticana ha anche visitato il Center for the fight against extremism thought, e il giorno precedente, martedì 17, era stata in udienza dal presidente del consiglio consultivo (al-Shura), Abdallah bin Muhammad Āl al-Shaykh»

*

«Le notizie riguardanti la visita hanno trovato ampio spazio sui più importanti media locali: la prima a rilanciarle è stata l’agenzia di stampa governativa, seguita dai telegiornali delle principali emittenti e dai social network»

*

«Il porporato ha anche fatto riferimento «alle centinaia di migliaia di lavoratori cristiani nel regno» saudita, evidenziando che si tratta di «una questione che Papa Francesco segue con grande attenzione»; infine ha parlato della necessità di una solida educazione alla giustizia e alla pace»

*

Fin qui il comunicato ufficiale.

A quanto sarebbe stato riferito, il card Tauran sarebbe stato ricevuto non a titolo personale, come altri porporati e diplomatici vaticani in passato, bensì nella sua veste di Camerlengo, titolare di un Dicastero Curiale, e con il protocollo usato per le visite dei capi di stato. I colloqui si sono svolti senza interpreti, parlando fluentemente il cardinale italiano, francese, inglese, tedesco, spagnolo ed arabo.

Vatican’s Cardinal Jean Louis Tauran arrives in Saudi Arabia [Arab News]

«- The cardinal is President of the Pontifical Council for Interreligious Dialogue in the Vatican State

– The cardinal was received by Saudi digniteries upon his arrival at King Khaled Internation airport in Riyadh»

*

Sulla natura ed argomento dei colloqui nulla è dato di trapelare.

Alcuni giornali hanno pubblicato come notizia certa che le parti avrebbero convenuto sulla edificazione di chiese cattoliche in territorio dell’Arabia Saudita.

Saudi Arabia Inks Deal with Vatican to Build Christian Churches

Churches to be Opened in Saudi Arabia: Catholic Church and House of Saud in Talks

«Saudi Arab Takes Another Step Towards Modernization: House of Saud May Open the Sacred Places of Muslims to Non-Muslims from Around the World and Allow the Churches to be Opened on its Soil, As Dictated by the Vatican. ….

The two parties signed a deal on Saturday, 14 April 2018, inclusive of the establishment of a permanent action committee to execute the articles stipulated in the pact»

*

Ciò sembrerebbe non rispondere al vero, ed è stato smentito da una garbata nota vaticana.

Visita del cardinale Tauran in Arabia Saudita

«il cardinale Tauran ha individuato come uno dei campi su cui cristiani e musulmani devono essere d’accordo, visto che «in passato c’è stata molta competizione tra le due comunità», è quello «delle regole comuni per la costruzione di luoghi di culto». Infatti, «tutte le religioni devono essere trattate allo stesso modo, senza discriminazioni»

* * * * * * * *

Conclusione.

È la prima volta in millequattrocento anni di islamismo che un alto prelato vaticano, in questo caso il Carmelengo, ossia colui che ha per principale compito il presiedere la sede vacante, è ricevuto in veste ufficiale e non a titolo privato. Il resto ne deriva per conserva.


Osservatore Romano. 2018-04-19. Il cardinale Tauran ha incontrato il sovrano saudita nel palazzo reale di Riad

Un incontro senza precedenti ha caratterizzato mercoledì 18 aprile la visita in Arabia Saudita del cardinale Jean-Louis Tauran, presidente del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso, ricevuto nel palazzo reale da sua maestà il re Salman Bin Abd Al-Aziz, che ha anche il titolo di custode delle due sacre moschee delle città sante musulmane Medina e La Mecca.

Inoltre il porporato — che a Riad è accompagnato dal vescovo segretario del dicastero, Ayuso Guixot, e dal capo-ufficio per l’islam, monsignor Akasheh — ha incontrato il ministro degli Affari esteri Adil al-Jubayr. La delegazione vaticana ha anche visitato il Center for the fight against extremism thought, e il giorno precedente, martedì 17, era stata in udienza dal presidente del consiglio consultivo (al-Shura), Abdallah bin Muhammad Āl al-Shaykh.

Le notizie riguardanti la visita hanno trovato ampio spazio sui più importanti media locali: la prima a rilanciarle è stata l’agenzia di stampa governativa, seguita dai telegiornali delle principali emittenti e dai social network. E stamane, giovedì 19, anche numerosi quotidiani hanno pubblicato cronache corredate di immagini soprattutto dell’incontro con il re al palazzo Al Yamamah, cui hanno partecipato, tra gli altri, anche il principe ereditario Muhammad bin Salman, e lo sceicco Muhammad Abdul Karim Al-Issa, segretario generale della Lega musulmana mondiale (Lmm).

Dopo aver trasmesso al sovrano gli «oranti buoni auspici» di Papa Francesco, il cardinale Tauran lo ha ringraziato per aver intrapreso «importanti iniziative che segnano una significativa apertura anche verso altre religioni, specialmente il cristianesimo». Nel suo discorso il presidente del dicastero vaticano ha ricordato «le precedenti importanti iniziative saudite riguardanti il dialogo interreligioso», sottolineando «quanto sia dannosa la strumentalizzazione della religione per fini politici». Da qui l’invito a continuare «un dialogo sincero al fine di trovare soluzioni adeguate alle sfide» del mondo di oggi.

Il porporato ha anche fatto riferimento «alle centinaia di migliaia di lavoratori cristiani nel regno» saudita, evidenziando che si tratta di «una questione che Papa Francesco segue con grande attenzione»; infine ha parlato della necessità di una solida educazione alla giustizia e alla pace. Quest’ultima, ha detto, «è un tesoro fragile che va protetto»; ma «la pace è inscindibile dalla giustizia: non c’è pace senza giustizia, né giustizia senza perdono». Perciò, ha concluso, «l’educazione delle giovani generazioni alla pace è essenziale».


Breitbart. 2018-05-06. Saudi Arabia Inks Deal with Vatican to Build Christian Churches

For the first time in history, Saudi Arabia has entered into a joint agreement with the Vatican to build churches for Christians living in the officially Muslim nation.

*

The agreement was signed by the Secretary General of the Muslim World League Sheikh Mohammed bin Abdel Karim Al-Issa and the President of the Pontifical Council for Inter-religious Dialogue in the Vatican, Cardinal Jean-Louis Tauran, according to a report Wednesday from the Egypt Independent newspaper.

The Financial Express has reported that Saudi Arabia’s newfound openness to and socio-cultural cooperation with the non-Muslim world stems from a desire to reduce dependency on oil resources, its primary economic driver.

Cardinal Tauran visited Riyadh on April 16-20, where he was received at the royal palace by King Salman bin Abdulaziz Al Saud, who acts as the country’s prime minister as well as the custodian of the Two Holy Mosques, and his son, the crown prince Muhammad bin Salman. Tauran and his delegation also visited the Center for the Fight against Extremist Thought, and met with the current Grand Mufti of Saudi Arabia, Abdul-Aziz ibn Abdullah Al ash-Sheikh.

In his address to Saudi officials, Tauran made mention of the “hundreds of thousands of Christians in the Saudi Kingdom,” insisting that Pope Francis follows their situation “with close attention.” The cardinal also reiterated the Vatican position on the equal treatment of all citizens regardless of their religion, including those who do not profess any religion, and called for establishing a common basis for the construction of centers of worship.

Fruit of the cardinal’s visit was the joint agreement that provides for the building of churches to care for the needs of Christians in Saudi Arabia as well as underscoring the key role of religions in renouncing violence, extremism, terrorism and achieving security and stability in the world.

The new accord also calls for the establishment of a coordinating committee with two representatives from each side to organize future meetings. The committee is expected to meet every two years, alternating between Rome and a city chosen by the Islamic World League.

Saudi Arabia is currently the only country in the region without a single Christian church, after Qatar opened a church in March. Saudi Arabia embraces Islamic Wahhabism, which bans all forms of non-Muslim religious activities.

Annunci