Pubblicato in: Amministrazione, Economia e Produzione Industriale, Materie Prime, Sistemi Economici

Egitto. Prosegue il grandioso progetto di desalinizzatori marini.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-02-27.

2018-02-20__Egitto__001 35344

Il problema idrico dell’Egitto è semplice. Esso dipende quasi interamente dall’acqua afferita dal Nilo, e questa non è più sufficiente a sopperire alle necessità della popolazione e dell’industria, sia quella agricola si quella manifatturiera.

Se è vero che molte risorse naturali consentono di vivere meglio, è altrettanto vero che talune di esse siano essenziali: e tra queste l’acqua è di interesse fondamentale.

«Egypt is currently under the water poverty line with an annual per capita water share of 560 cubic meters compared to an international share of 1,000 cubic meters»

Con 95 milioni di abitanti l’Egitto avrebbe bisogno di almeno 95 miliardi di metri cubi di acqua all’anno [bcm], mentre al momento attuale ne dispone per poco più della metà. Mancano grosso modo 40 miliardi di metri cubi all’anno.

«The Nile provides Egypt with about 97% [55 bcm] of its total water needs, while the remaining 3% is supplied by low rainfall on the northern coast and in the Sinai Peninsula, and by non-renewable groundwater»

*

Il problema è stato aggravato dalla costruzione in Etiopia del

«Grand Ethiopian Renaissance Dam (GERD) in the Nile basin, which will limit the amount of Nile water that reached Egypt. The dam has created tensions between the two countries, Egypt and Ethiopia.»

*

Nel 2015 era stato messo a punto un sistema innovativo di desalinizzazione dell’acqua di mare.

Egyptian method filters seawater in minutes

«- The technology is based on salt-attracting membranes and vaporising heat

– The membranes are made of cellulose acetate powder which is cheap to make

– Even remote communities could use the technique – with just membranes and fire.

*

Researchers at Alexandria University in Egypt have unveiled a cost-effective desalination technology which can filter highly salty water in minutes.

The technology is based on membranes containing cellulose acetate powder, produced in Egypt. The powder, in combination with other components, binds the salt particles as they pass through, making the technique useful for desalinating seawater. 

“The membrane we fabricated can easily be made in any laboratory using cheap ingredients, which makes it an excellent option for developing countries,” says Ahmed El-Shafei, an associate professor of agricultural and biosystems engineering in Alexandria University, and an author of the study.

Using pervaporation eliminates the need for electricity that is used in classic desalination processes, thus cutting costs significantly.” [Ahmed El-Shafei, Alexandria University]

The technology uses pervaporation, a technique by which the water is first filtered through the membrane to remove larger particles and then heated until it vaporises. The vapour is then condensed to get rid of small impurities, and clean water is collected.

According to the research paper, published in Water Science and Technology last month, this method can be used to desalinate water which contains different types of contamination, such as salt, sewage and dirt. This kind of water is difficult to clean quickly using existing procedures.»

* * *

Nel dicembre del 2016 era iniziato un grande progetto di desalinizzazione con impianto locato a Port Said, che dovrebbe produrre 150,000 m3/die a partire dal 2019.

SWRO desalination plant to be built in Port Said, Egypt using Kuwait loan

«The Kuwait Fund for Arab Economic Development will loan US$115.5 to help with the funding of a seawater desalination plant for the city of Port Said.

Two grants in total were signed – one for relieving socio-economic impacts in health, including water and sanitation, and the second to help finance a feasibility study to establish solar energy plants.

The 150,000 m3/day desalination plant is expected to use reverse osmosis membrane technology, with a 700km water distribution network included in the project.

A completion date of 2019 has been slated for the project, according the Kuwait News Agency.

The loan term is 25 years, including a grace period of five years.

Earlier this year Singapore firm Hyflux entered the Egyptian market with a contract to develop a 150,000 m3/day desalination plant (read WWi story).»

* * *

Adesso sono in fase di avanzata costruzione altri impianti ad al-Galala ed a New El Alamein City. A regime dovrebbero produrre 700 bcm/die, ossia un po’ meno di 260 bcm/anno. Non è quota sovradosata, tenendo conto che dopo il trattamento le acque saranno incanalate all’aperto, e quindi soggette alle perdite da evaporazione. Perdite peraltro utili per umidificare l’aria e per incrementare in questa maniera il ritorno sotto forma di pioggia.

Egypt is Building World’s Largest Seawater Desalination Plant

«In continuing efforts to fulfill its growing water needs, Egypt is set to build the largest seawater desalination plant in the world in the Red Sea city of Ain Sokha, head of the Egyptian Armed Forces Engineering Authority, Kamal El Wazir, said earlier this week.

Upon completion, the plant will be able to purify 164,000 cubic meters of seawater per day, and will provide water to development projects in the Suez Canal Economic Zone, Wazir said in a phone interview on private TV channel ONTV.

Currently in the process of being built, the plant will “benefit the economic zone located northwest of Suez Gulf, as well as supporting three other giant desalination plants located in al-Galala, east of Port Said Governorate and the New El Alamein city,” he explained.

Meanwhile, the Ministry of Housing’s facilities advisor Sayed Ismail told ONTV that these other three desalination plants are currently under construction, each with a production capacity of 150,000 cubic meters per day.

Ismail went on to say that the country’s overall water desalination capacity at present stands at 700,000 cubic meters per day, representing a tenfold increase in the past two years.»

* * * * * * * *

Questi dati e queste informazioni portano a fare alcune considerazioni di portata generale.

Le risorse di una nazione sono quelle che sono: il loro uso oculato è mandatorio per ogni governo che si prefigga il bene della popolazione.

Se è vero che sotto queste condizioni l’accesso al debito per finanziare imprese economicamente produttive diventa sia lecito sia mandatorio, altrettanto vero è che alcuni grandi progetti infrastrutturali hanno ritorni in tempi così lunghi da limitare le possibilità indebitatorie del governo.

Pensando a fondo a queste semplici considerazioni, si arriva immancabilmente a ragionare su ciò cui serva un governo.

Sarebbe un tema spropositato, ma alcuni spunti sembrerebbero essere rilevanti.

Nelle sue finalità ultime, il governo di una nazione dovrebbe prescindere dalle persone, dai partiti, od anche dalle fazioni, che la governano. Le alternanze, ancorché violente, non dovrebbero interferire con i progetti di lunga scadenza.

Scopo primario del governo è la messa in funzione di infrastrutture che sopperiscano almeno alle esigenze primarie della popolazione. Ed in questa ottica, acquedotti, fognature, strade, ferrovie, centrali elettriche e telecomunicazioni sono elementi fondamentali senza i quali nessun miglioramento del livello di vita della popolazione potrebbe essere concepibile.

I tempi di progetto e costruzione delle grandi infrastrutture sono lunghi, spesso si articolano sull’arco dei decenni: nessun governo che li inizia sarà poi quello che taglierà i nastri inaugurali.

Occorre quindi una chiara visione dei fatti reali e degli obbiettivi essenziali per resistere alla tentazione di ridistribuire le risorse ed i loro ricavati distogliendoli dai grandi progetti.