Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Consiglio Europeo. Votazioni. Maggioranza qualificata e beghe varie.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-01-08.

Michelangelo Merisi da Caravaggio (1573–1610). Die Festnahme Christi (1598) - Il bacio di Giuda. Odessa Museum of Western and Eastern Art.

Usiamo come testo di riferimento il

Francesco Martinelli. Manuale di Diritto dell’Unione Europea. Napoli. 2017. Isbn 9788891413963.

*

Il problema è quello della Polonia e di una eventuale applicazione dell’articolo sette.

*

Il Consiglio Europeo, Consilium, così si auto definisce:

«Il Consiglio europeo definisce le priorità e gli orientamenti politici generali dell’UE. Non fa parte dei legislatori dell’UE e pertanto non negozia né adotta atti legislativi. Stabilisce invece l’agenda politica dell’Unione, generalmente adottando nelle sue riunioni “conclusioni” che individuano le questioni problematiche e le misure da intraprendere.

Di recente, il Consiglio europeo ha adottato una ”agenda strategica” delle priorità chiave sulle quali dovranno concentrarsi l’attenzione e l’azione dell’UE nel lungo periodo.

I membri del Consiglio europeo sono i capi di Stato o di governo dei 28 Stati membri dell’UE, il presidente del Consiglio europeo e il presidente della Commissione europea.

Il Consiglio europeo definisce le priorità e gli orientamenti politici generali dell’UE

Anche l’alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza partecipa alle riunioni del Consiglio europeo quando si discutono temi di politica estera.

Processo decisionale

Nella maggior parte dei casi, il Consiglio europeo decide per consenso. Tuttavia, in alcuni casi specifici previsti dai trattati UE, adotta decisioni all’unanimità o a maggioranza qualificata.

Alla votazione non partecipano né il presidente del Consiglio europeo né il presidente della Commissione.»

*

È in corso una diatriba.

Alcuni paesi sostengono che il Regno Unito, avendo votato il Brexit, non dovrebbe più partecipare alle riunioni del Consiglio Europeo, mentre altri paesi sostengono che dovrebbe partecipare fino a tanto che non sia ufficialmente uscito dall’Unione Europea. Questa discrepanza farebbe variare il numero dei paesi ammessi al voto.

Il sito ufficiale del Consiglio Europeo riporta che il numero degli stati membri è ancora 28 (ventotto).

* * * * * * *

Sempre il Consiglio Europeo definisce cosa debba essere inteso per votazione. [Si noti come le regole siano state variate il 30 novembre 2017]

«Il metodo di voto standard del Consiglio.

La maggioranza qualificata è il metodo di voto più diffuso all’interno del Consiglio.

Il Consiglio lo utilizza quando adotta decisioni nell’ambito della procedura legislativa ordinaria, nota anche come codecisione. L’80% circa di tutta la legislazione UE è adottato secondo tale procedura.

*

Unanimità

Il Consiglio deve votare all’unanimità su una serie di questioni considerate sensibili dagli Stati membri. Ad esempio:

– politica estera e di sicurezza comune (esclusi alcuni casi ben definiti che richiedono la maggioranza qualificata, quali ad es. la nomina di un rappresentante speciale);

– cittadinanza (concessione di nuovi diritti ai cittadini UE);

– adesione all’UE;

– armonizzazione della legislazione nazionale in materia di imposte indirette;

– finanze UE (risorse proprie, quadro finanziario pluriennale);

– alcune disposizioni in materia di giustizia e affari interni (Procura europea, diritto di famiglia, cooperazione di polizia a livello operativo, ecc.);

– armonizzazione della legislazione nazionale in materia di sicurezza sociale e protezione sociale.

Inoltre, il Consiglio è tenuto a votare all’unanimità per discostarsi dalla proposta della Commissione quando quest’ultima non è in grado di accettare le modifiche apportate alla sua proposta. Tale norma non si applica agli atti che il Consiglio deve adottare su raccomandazione della Commissione, ad esempio nel settore del coordinamento delle politiche economiche.

In caso di voto all’unanimità, un’astensione non impedisce l’adozione di una decisione.

*

Maggioranza qualificata

Quando il Consiglio vota una proposta della Commissione o dell’alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, si raggiunge la maggioranza qualificata soltanto se sono soddisfatte due condizioni:

– il 55% degli Stati membri vota a favore – in pratica ciò equivale a 16 paesi su 28

– gli Stati membri che appoggiano la proposta rappresentano almeno il 65% della popolazione totale dell’UE

Questa procedura è nota anche come regola della “doppia maggioranza”.

Minoranza di blocco

La minoranza di blocco deve includere almeno quattro membri del Consiglio, che rappresentino oltre il 35% della popolazione dell’UE.

Casi particolari

Se non tutti i membri del Consiglio partecipano al voto, ad esempio in caso di “opt-out” per taluni settori politici, una decisione è adottata se vota a favore il 55% dei membri del Consiglio partecipanti, che rappresentino almeno il 65% della popolazione degli Stati membri partecipanti.

Quando il Consiglio vota una proposta che non è stata presentata dalla Commissione o dall’alto rappresentante, la decisione è adottata se:

– vota a favore almeno il 72% dei membri del Consiglio

– i membri che votano a favore rappresentano almeno il 65% della popolazione dell’UE

Astensioni

Nel voto a maggioranza qualificata, un’astensione è considerata un voto contrario. L’astensione non equivale alla non partecipazione al voto. Ogni membro può astenersi in qualsiasi momento.»

* * * * * * *

Il problema dell’applicabilità dell’art 7 contro la Polonia.

«Sono dunque previsti casi in cui è necessaria una delibera unanime (constatazione di una grave e persistente violazione da parte di uno Stato membro dei valori contemplati nell’art. 2 TUE, ai sensi dell’art. 7 del medesimo trattato), o adottata a maggioranza qualificata (elezione del presidente del Consiglio europeo, proposta al Parlamento europeo di un candidato presidente della Commissione, ex art. 17 TUE), o a maggioranza semplice (adozione del proprio regolamento interno ex art. 235 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea).»

Ricapitoliamo i termini del contendere.

  1. L’applicazione dell’art 7 contro la Polonia dovrebbe legalmente essere deliberata con unanimità, vertendo essa sulla ” constatazione di una grave e persistente violazione da parte di uno Stato membro dei valori contemplati nell’art. 2 TUE, ai sensi dell’art. 7 del medesimo trattato “. Procedura controversa.

  2. Taluni stati asseriscono che la decisione possa essere presa a maggioranza qualificata. Procedura anche essa controversa.

*

Ma controverso è anche il quorum della maggioranza da utilizzare.

Se si adottasse il criterio della maggioranza qualificata (55% dei membri del Consiglio partecipanti) essa sarebbe di 15 stati membri.

Ma se la proposta non fosse stata presentata dalla Commissione, sarebbe necessario il 72%, ossia 20 stati per un’Unione Europea a 28 stati e 19 stati per un’Unione Europea a 27 stati.

* * * * * * *

Ad aumentare la confusione sull’argomento, stanno circolando anche indicazioni di quorum a 22 stati.

Infine, sembrerebbe essere del tutto oscuro chi e con quale autorità possa dirimere la diatriba in atto. In via cautelativa, si potrebbe indicare il Consiglio Europeo con decisione unanime

Diciamo che nulla è restato intentato per complicare le cose.

Se questo è il quadro giuridico, qui sunteggiato in modo tale da renderlo intellegibile anche ai non addetti ai lavori, quello politico è tuttora un turmoil.

Sono incerte le posizioni dell’Austria e della Croazia, e questa sarà scelta politica.

Ma sussiste anche l’incertezza legata alla eventuale formazione di un governo in Germania: sembrerebbe infatti essere ben difficile che il Consiglio Europeo possa procedere ad una votazione così delicata senza avere un parere autorevole tedesco. E non è assolutamente detto che dopo il 4 marzo il premier italiano non sia una persona diversa da quello attuale e che la pensi in maniera opposta.

*

È una situazione di chaos.

Annunci

Un pensiero riguardo “Consiglio Europeo. Votazioni. Maggioranza qualificata e beghe varie.

I commenti sono chiusi.