Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Medio Oriente

Emirati Arabi Uniti. 7,878 progetti edili per 227.9 mld, senza l’Italia.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-01-06.

Emirati Arabi Uniti 2

«Il valore complessivo di 7.878 progetti di costruzione negli Emirati Arabi Uniti all’inizio di settembre, è stato pari a 227,9 miliardi di dollari»

*

«circa 100,5 miliardi di dollari riguardano progetti per la costruzione di grattacieli, mentre il valore di progetti per la realizzazione di edifici di medie e piccole dimensioni è rispettivamente di 64,5 miliardi e 62,9 miliardi di dollari»

*

«Circa 3.857 edifici stanno emergendo negli emirati settentrionali, 2.812 a Dubai e 1.208 a Abu Dhabi. In termini di valore, a Dubai sono stati sviluppati 121,1 miliardi di dollari di immobili, 64,3 miliardi di dollari di progetti ad Abu Dhabi e 42,6 miliardi di dollari nel resto della parte settentrionale del paese»

*

«L’industria dell’edilizia costituisce l’83 per cento di tutti i progetti attivi nel settore dell’edilizia urbana negli Emirati, rappresentando circa il 44 per cento del valore totale stimato del settore»

* * * * * * *

Questa è una grandiosa fase costruttiva negli Emirati Arabi Uniti. E tutti i progetti non solo sono lucrosi, appaltati a prezzi di mercato, ma consentono anche un portafogli ordini pluriennale, cosa di non poco conto.

L’Italia è rimasta fuori dai giochi, se si escludono rari e scarni briciolotti, in gran parte ottenuti per amicizie personali.

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha brillato per la sua assenza, quello degli Esteri brilla solo per i suoi costi.

Sarebbe logico domandarsi cosa ci stiano a fare questi due Ministeri.

Purtroppo la risposta è immediata, surreale, naif, ma non per questo a buon mercato.

A confronto politiche e pratiche contro la violenza di genere in Palestina

Constatiamo soltanto come i paesi arabi non siano per nulla interessati alla ‘violenza di genere‘ e guardino invece in modo molto sospettoso tutti quelli che la sostengono e che vorrebbero propagandarla in casa loro.

Anzi, in modo talmente sospettoso, da non invitarli nemmeno a partecipare alla gare di appalto. Gli altrimenti pensanti e senzienti non sono gente gradita nei paesi arabi.

*

Questo tristo governo sta finalmente arrivando a termine e le prospezioni sembrerebbero indicare che difficilmente potrà riproporsi.

Sinceramente noi vorremmo avere un Primo Ministro come Churchill, flagello di tutte le segretarie, che peraltro si battevano per i suoi favori: nessuna scampò alla sua attenzione. Fumava in continuazione sigari molto odorosi, e la sera si beveva una buona mezza bottiglia di whisky. Quando si arrabbiava, tirava giù dei moccoli strabilianti, che avrebbero fatto tremare anche gli scafati portuali di Plymouth.

Ma mai in vita sua Mr Churchill si fece sfuggire un appalto.

Il quattro marzo si avvicina: ci rivedremo a Filippi.


Camera Cooperazione Italo Araba. 2018-01-03. Emirati, in corso 7.878 progetti settore costruzioni per 227,9 miliardi di dollari

Il valore complessivo di 7.878 progetti di costruzione negli Emirati Arabi Uniti all’inizio di settembre, è stato pari a 227,9 miliardi di dollari. Lo ha riferito Bnc, uno dei più importanti network del settore immobiliare nella regione Medio Oriente e Nord Africa. Secondo il rapporto, circa 100,5 miliardi di dollari riguardano progetti per la costruzione di grattacieli, mentre il valore di progetti per la realizzazione di edifici di medie e piccole dimensioni è rispettivamente di 64,5 miliardi e 62,9 miliardi di dollari. 

Tra i 7.788 progetti analizzati nel rapporto di Bnc la maggioranza si trova negli emirati di Dubai ed Abu Dhabi. Circa 3.857 edifici stanno emergendo negli emirati settentrionali, 2.812 a Dubai e 1.208 a Abu Dhabi. In termini di valore, a Dubai sono stati sviluppati 121,1 miliardi di dollari di immobili, 64,3 miliardi di dollari di progetti ad Abu Dhabi e 42,6 miliardi di dollari nel resto della parte settentrionale del paese. Nel mese di agosto, il numero di progetti di costruzione negli Emirati Arabi Uniti è aumentato del 2 per cento rispetto a luglio 2017, ma in termini di valore, non si sono verificati aumenti significativi, riferisce Bnc nel suo rapporto. “I nostri risultati mostrano chiaramente che i progetti immobiliari stanno andando avanti come previsto per l’anticipato aumento della domanda nei prossimi anni a causa dei lavori per il completamento di Expo Dubai 2020”, ha dichiarato Avin Gidwani, amministratore delegato di Bnc. “La maggior parte dei proprietari dei progetti in corso e gli sviluppatori stanno cercando di completare i piani di costruzione prima dell’ottobre 2020, quando Dubai prevede di ricevere 20 milioni di ospiti e di 25 milioni di visitatori presso il sito di Expo”, ha aggiunto. 

L’industria dell’edilizia costituisce l’83 per cento di tutti i progetti attivi nel settore dell’edilizia urbana negli Emirati, rappresentando circa il 44 per cento del valore totale stimato del settore. Un totale di 48 progetti di costruzione con un valore combinato stimato di 2,5 miliardi di dollari sono stati assegnati nel mese di agosto. Il più grande progetto edilizio in termini di valore è stato il complesso di 729 ville che sorgeranno ad Al Montezi, nell’emirato di Ajman, per un valore di 272 milioni di dollari. Sempre nel mese di agosto sono stati completati 228 progetti edilizi con un valore complessivo stimato di 4 miliardi di dollari. Il più grande progetto in termini di valore che è stato completato nel mese di riferimento è stato il piano di rinnovo del palazzo presidenziale di Abu Dhabi per un totale di spesa di 1,6 miliardi di dollari.

Annunci