Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Germania. Chaos. Saltano i colloqui per il nuovo governo.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-11-20.

2017-11-20__Germania__001

Come dovevasi dimostrare.

«Salta il tavolo dei cosiddetti partiti “Giamaica” a Berlino, dove Cdu, Csu, liberali e verdi hanno condotto delle trattative preliminari nelle ultime due settimane, per arrivare alle consultazioni di un possibile governo a quattro»

*

«Lo ha reso noto il leader dei liberali Christian Lindner, che ha annunciato di lasciare il tavolo»

*

«i liberali non vogliono “piantare in asso” gli elettori»

*

«Talks on forming a coalition government in Germany have collapsed after the free-market liberal FDP pulled out»

*

«Mrs Merkel said she regretted the collapse of the talks, adding she would meet the German president later on Monday to formally tell him negotiations had failed»

*

«It is better not to rule than to rule badly. Goodbye!»

*

«Mrs Merkel’s conservatives, mindful of the electoral success of the AfD, are cautious and want to extend a moratorium on so-called family reunions»

* * * * * * *

Se diamo atto alla Bundeskanzlerin Frau Merkel di essere persona caparbia e tenace al punto tale da travalicare ogni comune buon senso, prendiamo nel contempo atto che è la persona meno idonea che ci sia a cercare di formare una nuova coalizione di governo.

I quattro partiti interessati ai colloqui avevano, ed hanno tuttora, obiettivi divergente se non opposti in tutti gli argomenti di grande portata strategica per la Germania: sono posizioni inconciliabili.

Adesso si prospetta uno scenario di chaos.

Verosimilmente si dovrà tornare alle urne con elezioni anticipate, le quali verosimilmente genereranno risultati analoghi agli attuali.

*

La costituzione, legge fondamentale, e la legge elettorale tedesca stanno dimostrando tutti i limiti che da tempo denunciamo: non consentono la formazione di un governo legalmente costituito in periodi di forti conflittualità politiche.

Il chaos è ciò che più temono i tedeschi, e giustamente. Dal chaos si generano solo dittature.

A nostro sommesso parere, Frau Merkel dovrebbe ritirarsi dalla scena politica: è kaputt lei ed ha messo kaputt la Germania.

 *

Oggi si può finalmente valutare in tutta la sua portata politica il significato di AfD.

Se è vero che ha solo 94 deputati in parlamento, se è vero che gli eletti degli altri partiti non vogliono parlare con questa componente politica, è altrettanto vero che ci sono e che hanno rotto i pregressi equilibri.

Non abbiamo elementi certi sui quali operare qualche previsione, ma una cosa sembrerebbe emergere chiarissima: il futuro assetto politico della Germania sarà quasi l’opposto del pregresso.

In ogni caso non ci si illuda: la crisi tedesca si riverbererà immediatamente in una crisi dell’Unione Europea, che a sua volta resterà ingovernabile.


Ansa. 2017-11-20. Germania: salta il tavolo ‘Giamaica’

BERLINO, 20 NOV – Salta il tavolo dei cosiddetti partiti “Giamaica” a Berlino, dove Cdu, Csu, liberali e verdi hanno condotto delle trattative preliminari nelle ultime due settimane, per arrivare alle consultazioni di un possibile governo a quattro. Lo ha reso noto il leader dei liberali Christian Lindner, che ha annunciato di lasciare il tavolo. “Manca la fiducia di base” fra i partiti, detto Lindner, affermando ai cronisti che i liberali non vogliono “piantare in asso” gli elettori, e che, in questa situazione, “è meglio non governare”.


Bbc. 2017-11-20. Germany coalition: Talks collapse as FDP pulls out

Talks on forming a coalition government in Germany have collapsed after the free-market liberal FDP pulled out.

FDP leader Christian Lindner said there was no “basis of trust” with Chancellor Angela Merkel’s conservative CDU/CSU bloc and the Greens.

What happens next is unclear, but Mrs Merkel is due to meet President Frank-Walter Steinmeier, who has the power to call snap elections.

Her bloc won September’s poll, but many voters deserted the mainstream parties.

After winning its first parliamentary seats, the far-right nationalist AfD (Alternative for Germany) vowed to fight “an invasion of foreigners” into the country.

Mrs Merkel said she regretted the collapse of the talks, adding she would meet the German president later on Monday to formally tell him negotiations had failed.

“It is a day of deep reflection on how to go forward in Germany,” she said. “As chancellor, I will do everything to ensure that this country is well managed in the difficult weeks to come.”

Aside from early elections, Mrs Merkel could also form a minority government with the Greens, who are yet to comment.

German daily Frankfurter Allgemeine Zeitung called the development the worst crisis of Mrs Merkel’s 12 years in office.

‘Goodbye!’

“Today there was no progress but rather there were setbacks because targeted compromises were questioned,” Mr Lindner said.

“It is better not to rule than to rule badly. Goodbye!” he added.

The parties involved in the talks are reported to be deeply divided over tax, asylum and environmental policies.

The most bitter arguments have been over whether Syrian refugees should be allowed to bring family members to join them in Germany, the BBC’s Jenny Hill reports.

Mrs Merkel’s conservatives, mindful of the electoral success of the AfD, are cautious and want to extend a moratorium on so-called family reunions, our correspondent adds.

The second-largest party in parliament, the Social Democrats, have ruled out returning to a coalition government with Mrs Merkel.

 

Annunci

2 pensieri riguardo “Germania. Chaos. Saltano i colloqui per il nuovo governo.

I commenti sono chiusi.