Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Energie Alternative

Germania. Energiewende kaputt. – Handelsblatt.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-11-13.

Aula Anatomia Reimbrandt

La Confindustria tedesca sta rapidamente evolvendosi in forza politica di forza davvero non trascurabile. Questa volta gioca duro, molto duro.

E questa forza avversa frontalmente tutto il pregresso pensare ed agire della Bundeskanzlerin Frau Merkel. Ne apprezza solo lo charme muliebre. E senza i finanziamenti da parte degli industriali nessun partito tradizionale riesce a sopravvivere. La Csu si è persa altri due punti percentuali ed AfD cresce al 13%.

2017-11-13__Merkel__001

*

La settimana scorsa Confindustria aveva attaccato duramente la politica estera e militare della cancelliera.

Germania. Confindustria sempre più attrice politica anti-Merkel.

«NATO’s eastern border certainly cannot be secured if the German military turns up with broomsticks instead of bullets»

*

«The call for a post-Atlantic Western policy by some German columnists also misses the mark, as it suggests the West could exist as a political force without the United States»

*

«Contrary to the beliefs of many people here, the West’s political model is not universally accepted in the rest of the world»

* * * * * * * * * * *

Adesso si registra un altro attacco al cuore della politica economica domestica della Bundeskanzlerin Frau Merkel, proprio mentre si sta parlando a Bonn di energie alternative che sarebbero a lor dire la panacea a tutti i mali mondiali. Frau Merkel adora le energie alternative: per amor loro ha persino litigato con Mr Trump.

Coalition Talks Stalling on Climate Targets

«Germany is way behind on its emissions reduction goals, but coalition talks currently underway in Berlin aren’t likely to help. Instead of embracing the shift to renewables as an economic opportunity, wariness of future technologies remains.»

*

«The urgent need to prepare the next step toward complete reliance on renewable energy – which Merkel made national policy in 2011 – appears to be going largely ignored. That step is the closure of the country’s coal-fired power plants. The FDP in particular is acting as though the 240 million tons of carbon dioxide that were pumped into the atmosphere by Germany’s coal-fired facilities in 2016 didn’t represent a problem. And this despite the fact that Germany has pledged to significantly reduce its greenhouse gas emissions as part of the Paris climate deal.»

^ ^ ^ Da Traduttore ^^^

“L’ urgente necessità di preparare il prossimo passo verso la completa dipendenza dalle energie rinnovabili – che Merkel ha fatto politica nazionale nel 2011 – sembra essere in gran parte ignorata. Si tratta della chiusura delle centrali a carbone del paese. In particolare, l’ FDP sta agendo come se i 240 milioni di tonnellate di anidride carbonica che sono state pompate nell’ atmosfera dagli impianti a carbone tedeschi nel 2016 non rappresentassero un problema. E questo nonostante il fatto che la Germania si sia impegnata a ridurre significativamente le proprie emissioni di gas serra nell’ ambito dell’ accordo sul clima di Parigi.”

* * * * * * * * * * *

Prima pausa di constatazione.

Se la Bundeskanzlerin Frau Merkel vuole proprio rifare la cancelliera, ebbene deve per forza di cose stare a sentire i prossimi soci della coalizione. Soci che si stanno litigando come lavandaie ubriache, dimentiche che alla fine senza i fondi loro versati da confindustria non avrebbero potuto far appendere nemmeno un manifesto, né tanto meno farsi villa al mare e conti in Svizzera, per parlare il politicamente corretto.

Quindi, che la Bundeskanzlerin Frau Merkel:

– Si riavvicini a Mr Trump, in ginocchio e con il cappellino in mano ad implorare la limosina;

– La smetta di voler imporre agli altri la sua Weltanschauung che proprio nessuno gradisce;

– Proceda al riarmo della Germania, lasciando le femmine in luogo confacente, ovunque si voglia, ma non nell’esercito;

– Cacci alle ortiche la Energiewende.

– Si ritiri dagli accordi di Parigi.

* * * * * * * * * * *

Ora un attacco micidiale alla Energiewende, che è etichettata come frutto di follia pura. Da leggersi con cura ed attenzione.

«Germany Needs Gas, Not Hot Air»

*

«Germany should ditch its national CO2 emissions targets, end its plans to expand solar and wind power and embrace natural gas instead.»

*

«There has probably never been a project in Germany before in which the gap between aspirations, goals and reality has been as wide as it is with the transition to green energy. When it comes to the “Energiewende,” it is no longer facts that count, but ideology and the pushing of scenarios that have little or nothing to do with reality.»

*

«The future is not the foolish expansion of solar and wind-power plants»

*

«Since the sun will not be shining 24 hours a day in 2050 and the wind will not always blow, enormous storage systems will be needed to ensure security of supply.»

*

«Despite Berlin’s best efforts, ranging from billions in state funding programs to national climate action plans such as NAPE, the reality looks grim»

*

«The reality is that Germany still lacks the grids for transporting electricity from the renewables-dense north to the south, and that in 2016 electricity consumers had to pay around €1 billion to fire up old oil-powered plants in the south when wind power dropped in the north»

*

«It is also a fact that this situation will deteriorate even further by 2022 if Germany’s remaining nuclear power plants are decommissioned, especially in the south. In this case, German power plants will no longer be sufficient to maintain security of supply»

*

«Natural gas is a multi-faceted fuel that can be used to generate electricity and heat in co-generation plants, and also to power natural gas vehicles to meet the demands of mobility»

* * * * * * * * * * *

Seconda pausa di constatazione.

Ne parlammo diffusamente quasi un anno fa, e quasi con grande vergogna. Infatti l’argomento è trattato fino nei più succinti enchiridi di ingegneria, anche se è del tutto ignorato dai sostenitori delle energie alternative e del ‘clima’. Ma eravamo anche consci del grado di corruzione etica e morale di questa categoria di persone, per non parlare poi del loro tornaconto. Nessun stupore quindi quando questi caddero dalle nuvole.

Energia. Il problema degli elettrodotti a lunga distanza. Le dissipazioni.

Ora confindustria ha fatto presente alla Bundeskanzlerin Frau Merkel alcuni sfavillanti verità:

the sun will not be shining 24 hours a day;

the wind will not always blow;

Germany still lacks the grids for transporting electricity.

*

Una conclusione finale sembrerebbe essere doverosa.

In tutto il mondo il tanto bistrattato comparto produttivo si è finalmente dato delle strutture politiche che lo tutelino dalla sfrenata ingordigia di politica, servizi e finanza.

Se negli Stati Uniti è stato eletto Mr Trump, ed in Cina Mr Xi si è rinsaldato alla guida di quella nazione.

Cina. Giudizio sulla Germania. Fine di un’era.

Cina. Centrali elettriche nucleari. 37 reattori attivi, 60 in costruzione, 179 programmati.

Adesso Germania ed Europa devono uscire dal loro delirio schizofrenico e tornare a fare i conti con la realtà. Senza Frau Merkel.


Handelsblatt. 2017-11-10. Germany Needs Gas, Not Hot Air

Germany should ditch its national CO2 emissions targets, end its plans to expand solar and wind power and embrace natural gas instead.

*

There has probably never been a project in Germany before in which the gap between aspirations, goals and reality has been as wide as it is with the transition to green energy. When it comes to the “Energiewende,” it is no longer facts that count, but ideology and the pushing of scenarios that have little or nothing to do with reality.

In the country’s so-called target scenarios, computer models are used to show that by fully electrifying Germany, it can achieve the political goal of reducing CO2 by 95 percent by 2050. And with the help of a process known as sector coupling, electricity will be used to heat our buildings and operate our cars.

Well-respected institutes use complex scenarios to show what needs to be done to meet the 2050 goal. For example, one suggests that the energy consumption of all buildings, including those that are very old, must be reduced by 50-60 percent. The remaining heating needs would be met by 16 million electric heat pumps and long-distance heating. According to this scenario, natural gas pipelines could then be shut down, since neither natural gas nor oil would be needed anymore. At the same time, the mobility sector would be converted almost entirely to electric vehicles.

«The future is not the foolish expansion of solar and wind-power plants.»

There’s just one problem. This strategy will require at least 600,000 megawatts of photovoltaic and wind-power plants by 2050. In order to integrate this enormous output, connect the electric heat pumps and set up the electrical charging infrastructure in the mobility sector, the electrical grid will have to be expanded by about 300,000 kilometers at all voltage levels. Since the sun will not be shining 24 hours a day in 2050 and the wind will not always blow, enormous storage systems will be needed to ensure security of supply.

This list of requirements clearly shows that the government will never be able to achieve its climate protection targets with this “all electric strategy.” Despite Berlin’s best efforts, ranging from billions in state funding programs to national climate action plans such as NAPE, the reality looks grim.

According to a new monitoring report by the economics ministry, the efficiency targets in the building sector, the projected growth rates for electric vehicles, the necessary expansion of the electrical grid and the climate protection goals will not be achieved by 2020. In addition, CO2 emissions were reduced by just 27 percent between 1990 and 2016, with the pace of reduction coming to a standstill in recent years.

It is clear today that the intermediate target of reducing CO2 emissions by 40 percent by 2020, which had been set by politicians, is unattainable – and the government does not even dispute this.

The reality is that Germany still lacks the grids for transporting electricity from the renewables-dense north to the south, and that in 2016 electricity consumers had to pay around €1 billion to fire up old oil-powered plants in the south when wind power dropped in the north. The fact is that the Federal Network Agency has to instruct more and more coal and natural gas power plants to continue operating in order to guarantee security of supply.

It is also a fact that this situation will deteriorate even further by 2022 if Germany’s remaining nuclear power plants are decommissioned, especially in the south. In this case, German power plants will no longer be sufficient to maintain security of supply, so Germany will have to turn to French power plants, for example, as a report by the FNA shows.

The Energiewende is not a success, especially not for climate protection. That is why the next federal government must rely on facts to shape its energy and climate policy and give innovation a chance. The future is not the foolish expansion of solar and wind-power plants or state-imposed compulsory purchase via the Renewable Energies Act, but system optimization that uses intelligent business models to reduce CO2 emissions as cost-effectively as possible. This is why policymakers should limit themselves to setting sector-specific CO2 reduction targets, which the relevant players must then achieve with the tools that best suit their needs.

It is not the one-sided fixation on electricity, solar and wind that makes sense, but rather the intelligent integration of natural gas systems. Natural gas is a multi-faceted fuel that can be used to generate electricity and heat in co-generation plants, and also to power natural gas vehicles to meet the demands of mobility. We need to provide more space for innovation and an openness to new technology.

>> Traduttore automatico <<

La Germania ha bisogno di gas, non di aria calda

La Germania dovrebbe abbandonare i propri obiettivi nazionali in materia di emissioni di CO2, mettere fine ai piani di espansione dell’energia solare ed eolica e includere invece il gas naturale.

*

Probabilmente in Germania non c’è mai stato un progetto precedente in cui il divario tra aspirazioni, obiettivi e realtà fosse tanto ampio quanto lo è stato con la transizione verso l’energia verde. Quando si parla di “Energiewende” non sono più i fatti a contare, ma l’ideologia e la spinta di scenari che hanno poco o nulla a che fare con la realtà.

Nei cosiddetti scenari target del paese, i modelli di computer sono utilizzati per dimostrare che elettrizzando completamente la Germania, si può raggiungere l’obiettivo politico di ridurre le emissioni di CO2 del 95 per cento entro il 2050. E con l’aiuto di un processo noto come accoppiamento di settore, l’elettricità sarà utilizzata per riscaldare i nostri edifici e far funzionare le nostre auto.

Gli istituti ben rispettati utilizzano scenari complessi per mostrare ciò che occorre fare per raggiungere l’obiettivo del 2050. Ad esempio, si suggerisce che il consumo energetico di tutti gli edifici, compresi quelli molto vecchi, debba essere ridotto del 50-60 per cento. Il fabbisogno residuo di riscaldamento sarebbe coperto da 16 milioni di pompe di calore elettriche e riscaldamento a lunga distanza. Secondo questo scenario, i gasdotti del gas naturale potrebbero quindi essere chiusi, in quanto non sarebbero più necessari né il gas naturale né il petrolio. Allo stesso tempo, il settore della mobilità verrebbe convertito quasi interamente in veicoli elettrici.

Il futuro non è l’espansione folle delle centrali solari ed eoliche “.

C’è un solo problema. Questa strategia richiederà almeno 600.000 megawatt di centrali fotovoltaiche ed eoliche entro il 2050. Per integrare questa enorme potenza, collegare le pompe di calore elettriche e realizzare l’infrastruttura di ricarica elettrica nel settore della mobilità, la rete elettrica dovrà essere ampliata di circa 300.000 chilometri a tutti i livelli di tensione. Poiché il sole non splenderà 24 ore al giorno nel 2050 e il vento non sempre soffierà, saranno necessari enormi sistemi di stoccaggio per garantire la sicurezza dell’approvvigionamento.

Nonostante i migliori sforzi di Berlino, che vanno da miliardi di fondi pubblici a piani nazionali di azione per il clima come NAPE, la realtà sembra triste.

Secondo un nuovo rapporto di monitoraggio del ministero dell’Economia, gli obiettivi di efficienza nel settore edile, i tassi di crescita previsti per i veicoli elettrici, la necessaria espansione della rete elettrica e gli obiettivi di protezione del clima non saranno raggiunti entro il 2020. Inoltre, tra il 1990 e il 2016 le emissioni di CO2 sono state ridotte solo del 27%, con il ritmo di riduzione che si è arrestato negli ultimi anni.

Oggi è chiaro che l’obiettivo intermedio di ridurre le emissioni di CO2 del 40 per cento entro il 2020, fissato dai politici, è irraggiungibile – e il governo non lo contesta nemmeno.

La realtà è che in Germania mancano ancora le reti per il trasporto dell’elettricità dal nord al sud, denso di energie rinnovabili, e che nel 2016 i consumatori di energia elettrica hanno dovuto pagare circa 1 miliardo di euro per accendere vecchi impianti petroliferi nel sud, quando l’energia eolica è calata nel nord. L’Agenzia federale della rete deve istruire un numero sempre maggiore di centrali a carbone e gas naturale affinché continuino a funzionare per garantire la sicurezza dell’approvvigionamento.

E’anche un dato di fatto che questa situazione si aggraverà ulteriormente entro il 2022 se le centrali nucleari rimanenti della Germania saranno smantellate, soprattutto nel sud del paese. In questo caso, le centrali elettriche tedesche non saranno più sufficienti per mantenere la sicurezza dell’approvvigionamento, per cui la Germania dovrà rivolgersi ad esempio alle centrali francesi, come dimostra una relazione della FNA.

Energiewende non è un successo, soprattutto per la protezione del clima. Per questo motivo il prossimo governo federale deve affidarsi ai fatti per definire la propria politica energetica e climatica e dare un’opportunità all’innovazione. Il futuro non è la folle espansione delle centrali solari ed eoliche o l’obbligo di acquisto imposto dallo Stato attraverso la legge sulle energie rinnovabili, ma l’ottimizzazione del sistema che utilizza modelli di business intelligenti per ridurre le emissioni di CO2 nel modo più economico possibile. Per questo motivo i responsabili politici dovrebbero limitarsi a fissare obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2 specifici per ciascun settore, che i soggetti interessati dovranno poi raggiungere con gli strumenti più adatti alle loro esigenze.

Non è la fissazione unilaterale dell’elettricità, del solare e dell’eolico ad avere senso, ma piuttosto l’integrazione intelligente dei sistemi a gas naturale. Il gas naturale è un combustibile poliedrico che può essere utilizzato per generare elettricità e calore negli impianti di cogenerazione, ma anche per alimentare i veicoli a gas naturale per soddisfare le esigenze di mobilità. Dobbiamo dare più spazio all’innovazione e aprire alle nuove tecnologie.

Annunci

Un pensiero riguardo “Germania. Energiewende kaputt. – Handelsblatt.

I commenti sono chiusi.