Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Germania. Analisi del voto federale.2. Altre caratteristiche. Est – Ovest.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-27.

ossi-wessi_karikatur_1999-08-0367

Nella stratificazione per sesso, riportiamo solo i casi con differenze significative.

2017-09-25__Voto_per_Classe_età__Sesso001_cdu

2017-09-25__Voto_per_Classe_età__Sesso004_fdp

2017-09-25__Voto_per_Classe_età__Sesso005_afd

AfD ed Fdp sono stati votati prevalentemente dai maschi, mentre la Cdu è stata prediletta dalle femmine. Sicuramente hanno influito le tecniche di comunicazione – ne vedremo i motivi a seguito – ma verosimilmente è stata decisiva la materia elettorale programmatica.



2017-09-25__Voto_per_Classe_età__Trasloco001_cdu

La trasmigrazione dei voti è di grande interesse.

Intanto inerisce un elettorato adulto: deve aver già votato almeno una volta.

Se una piccola quota di voti ex Spd si sono riversati sulla Cdu, questa ha perso quantità insignificanti verso Linke, Grüne oppure astenuti.

Laddove l’emorragia è stata più che pesante è verso la Fdp, 1,360,000 voti, e verso l’AfD, 980,000 voti.

Questo fenomeno evidenzia in modo chiaro e netto fino a che punto gli umori della base elettorale cristianodemocratica siano stati scotomizzati e financo violentati. Due milioni di elettori hanno abbandonato l’Union, Cdu e Csu, perché scontenti delle politiche svolte.

Se sicuramente le politiche migratorie sono state fatte contro la volontà degli elettori, non poco peso hanno avuto sugli spostamenti elettorali le prese di posizione della Bundeskanzlerin Frau Merkel in materia etica. Avrà accontentato qualche potenziale elettore, perdendone due milioni.

Ripetiamo: queste sono emorragie di voti adulti, molto difficilmente recuperabili.


2017-09-25__Voto_per_Classe_età__zzz_001_cdu

2017-09-25__Voto_per_Classe_età__zzz_002_cdu

2017-09-25__Voto_per_Classe_età__zzz_003_cdu

2017-09-25__Voto_per_Classe_età__zzz_004_cdu

2017-09-25__Voto_per_Classe_età__zzz_005_cdu

2017-09-25__Voto_per_Classe_età__zzz_006_cdu

Le differenze di tendenze politiche intercorrenti tra i Länder dell’ovest e quelli dell’est erano già note.

Le elezioni che si erano tenute nei Länder erano stati severi campanelli di allarme.

Mecklenburg-Vorpommern. La Spd crollerebbe dal 35.6% al 22%.

Spd. Berlino e Mecklenburg saranno la sua Poltava.

Germania, elezioni Berlino: Merkel crolla al 17%, populisti debuttano al 14%. Spd al 21%.

Sia la Union sia la Spd hanno conseguito percentuali molto più alte nei Länder dell’ovest rispetto a quelli dell’est. Le loro campagne elettorali erano incentrate su problemi che erano, e sono, alieni alle popolazioni tedesche ex Ddr. Questa differenza è più che evidente per la Spd, oramai partito di pensionati e statali, inidonea a parlare a disoccupati od operai addetti alla produzione.

È proprio per questo clima di sofferenza economica che la Linke ha nei Länder orientali dieci punti percentuali in più rispetto a quelli conseguiti nei Länder occidentali.

Ma la differenza Ossi – Wessi è eclamptica quando si considera AfD: 10.7% all’ovest e 20.5% all’est.

L’ovest ha assorbito nel corso di decenni una cultura liberal aliena alla gente dell’est e si è strutturata in una burocrazia socialista talmente vistosa da apparire indigesta a quelli che avevano subito quella comunista.

Sia Spa sia Union hanno parlato a persone ritenute essere benestanti, persone che nei Länder dell’est sono alquanto scarse.

Infine, cinquanta anni di comunismo reale hanno arroccato la popolazione sui propri valori del retaggio religioso, culturale, storico ed artistico, magari percepito a livello subliminale, ma pur sempre roccioso: è stato abbarbicandosi a questo che le popolazioni dell’est sono sopravvissute alla devastazione del comunismo. Tema questo invece del tutto avversato da Union ed Spd.

Annunci