Pubblicato in: Banche Centrali, Unione Europea

Grecia. Qualche modesto segno di ripresa. Dal 2011 ha già rifuso 147.395 miliardi di euro.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-11.

Atene 003

La situazione socio – economica greca sta evidenziando segni di una modesta ripresa.

2017-09-09__Grecia_000

«La Bce ha abbassato il plafond del programma di liquidità d’emergenza (Emergency liquidity assistance) a favore delle banche greche di 5 miliardi di euro, portandolo a 33,9 miliardi»

2017-09-09__Grecia_001

*

«Le banche greche dipendono dalla liquidità di emergenza — erogata da Banca di Grecia previo via libera della Bce — da febbraio 2015, quando sono state estromesse dalle normali operazioni di rifinanziamento presso l’Eurosistema»

2017-09-09__Grecia_003

*

«A giugno dell’anno scorso la Bce ha ridato alle banche greche l’accesso alle normali operazioni di rifinanziamento, meno costose rispetto all’Ela, permettendo agli istituti di ridurre gradualmente la loro dipendenza nei confronti dello schema di emergenza»

*

 

Nel 2010 la Grecia aveva 11,123,392 abitanti, che si sono ridotti a 10,757,293 a fine 2016: parte per contrazione delle nascite e parte per emigrazione, specie dei giovani. Il tasso di fertilità è 1.33, il tasso percentuale delle nascite è 0.86%.

Il pil nominale nel 2008 valeva 356.140 milioni Usd, mentre a fine 2016 si era attestato a 194,248 mln Uds. Alle stese date il pil procapite valeva 31,198 Usd e 17,910 Usd, rispettivamente.

Il debito ammontava a 495,954 mln Usd nel 2011 e si è ridotto a 348,559 mln Usd nel 2016. A causa del decremento del pil nominale, il rapporto debito/pil è passato da 172.10% nel 2011 agli attuali 179%.

Non ci si illuda: i debiti devono essere rimborsati.


Reuters. 2017-09-07. Banche Grecia, Bce riduce plafond prestiti emergenza Ela a 33,9 miliardi

ATENE (Reuters) – La Bce ha abbassato il plafond del programma di liquidità d’emergenza (Emergency liquidity assistance) a favore delle banche greche di 5 miliardi di euro, portandolo a 33,9 miliardi.

Lo ha annunciato l’istituto centrale greco spiegando che la decisione riflette le condizioni di liquidità e tiene conto dei flussi dei depositi del settore privato. Il tetto è valido fino al 20 settembre.

Le banche greche dipendono dalla liquidità di emergenza — erogata da Banca di Grecia previo via libera della Bce — da febbraio 2015, quando sono state estromesse dalle normali operazioni di rifinanziamento presso l’Eurosistema.

A giugno dell’anno scorso la Bce ha ridato alle banche greche l’accesso alle normali operazioni di rifinanziamento, meno costose rispetto all’Ela, permettendo agli istituti di ridurre gradualmente la loro dipendenza nei confronti dello schema di emergenza.

A luglio i finanziamenti Ela alle banche greche sono scesi rispetto al mese precedente di 3,3 miliardi di euro, pari all’ 8,7%, portandosi a quota 34,6 miliardi.

Annunci