Pubblicato in: Geopolitica Africa, Problemia Energetici

Nigeria quasi fuori dalla recessione. Pil +3.2%.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-08.

Niger e Nigeria 001

La Nigeria ha 191 milioni di abitanti, aveva nel 2012 un  pil nominale pro capite di 2,743 Usd, pil ppa pro capite 6,108 Usd, pil nominale pro capite sceso a 1,976 Usd nel 2016 a seguito di una severa crisi economica, determinata in gran parte dalla crisi petrolifera.

Ancora una volta si è dovuto assistere al ripetersi della Dutch disease, proprio come se la storia non avesse insegnato nulla.

*

Con tutto quello che ci sarebbe da dire, la quasi totalità delle banche dati occidentali si affretta a far notare come la Nigeria sia uno dei tanti stati ove l’omosessualità sia reato punito con la sentenza capitale, tipicamente la lapidazione. Ma una cosa è saziare gli appetitti sessuali, ed una, del tutto differente, quelli degli stomaci.

*

2017-09-06__Nigeria__001

«Signs continue to suggest a timid economic recovery after the economic contraction eased in Q1. The PMI rose to a two-year high in July thanks to a robust domestic market, while the FX window introduced in April is succeeding in attracting portfolio investment and propping up international reserves. However, credit conditions remain restrictive due to tight liquidity, despite an improvement in Q2, and the IMF recently highlighted concerns regarding the implementation of policy measures designed to diversify the economy. In addition, there is uncertainty in the oil sector, after communities in the oil-rich Niger Delta threatened to pull out of peace talks unless their demands regarding poverty reduction are met; this threatens to shatter the fragile peace which has reigned in recent months. The government’s willingness to cap oil production at 1.8 million barrels per day as part of OPEC’s efforts to reduce global supply could also hamper the return of the industry to full strength.»

*

«The economy should pick up speed this year thanks to stronger oil and agricultural sectors and solid public capital spending. However, continuing foreign exchange distortions and policy uncertainty will dampen the expansion, which will remain too meagre to dent unemployment and poverty. Panelists participating in the FocusEconomics Consensus Forecast expect the economy to grow 1.2% in 2017, down 0.1 percentage points from last month’s forecast, and 2.8% in 2018.»

*

Adesso sembrerebbe notarsi una uscita dalla recessione.

«L’economia nigeriana è ufficialmente uscita dalla recessione, facendo registrare una crescita del Pil pari al 3,23 per cento»


Agenzia Nova. 2017-09-05. Nigeria: Pil in crescita del 3,2 per cento, paese fuori dalla recessione

Abuja, 05 set 12:37 – (Agenzia Nova) – L’economia nigeriana è ufficialmente uscita dalla recessione, facendo registrare una crescita del Pil pari al 3,23 per cento. Lo rende noto l’Ufficio statistiche nazionale, secondo cui il dato è dovuto a una maggiore produttività nei settori petrolifero, agricolo e finanziario. La scorsa estate, per la prima volta in un quarto di secolo, la Nigeria è entrata in recessione, registrando contrazioni del Pil per i primi nove mesi del 2016 e perdendo (a vantaggio del Sudafrica) lo scettro di prima economia del continente. Il calo dei prezzi del petrolio sui mercati internazionali, iniziato nel giugno 2014, ha rappresentato un duro colpo per il paese, che conta sui prodotti petroliferi per il 90 per cento delle esportazioni.

Annunci

Un pensiero riguardo “Nigeria quasi fuori dalla recessione. Pil +3.2%.

I commenti sono chiusi.