Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Stati Uniti, Trump

Trump dovrebbe ringraziare i liberal democratici.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-04.

2017-09-02__Columbus_day__001

«in base al verdetto del clero e alla decisione della Corte Suprema dell’Emirato Islamico, tutte le statue in Afghanistan devono essere distrutte. Tutte le statue del paese devono essere distrutte perché queste statue sono state in passato usate come idoli dagli infedeli. Sono ora onorate e possono tornare a essere idoli in futuro. Solo Allah l’Onnipotente merita di essere adorato, e niente o nessun altro.»

Così nel marzo 2001 il Mullah Mohammed Omar dette ordine di distruggere le statue del Buddha scolpite da un gruppo religioso buddista nelle pareti di roccia della valle di Bamiyan, in Afghanistan.

*

Il 21 maggio 2015 l’Isis dichiarò occupata Palmira e nell’agosto dello stesso anno si diede un gran da fare a distruggere il tempio di Baalshamin, distruggendo quindi il tempio di Zeus ed infine l’Arco di Trionfo. Più, ovviamente, le distruzioni minori.

* * * * * * *

Di questi tempi stiamo assistendo ad un furor iconoclastico negli Stati Uniti,con distruzione o rimozione di statue di loro grandi uomini, a partire da quelle del generale Robert Lee. Proprio ciò che fecero i talibani e quelli dell’Isis.

Historians warn against rushing to take down statues

Calif. Catholic school removes Jesus and Mary statues: ‘Alienating’

* * * * * * *

Adesso sembrerebbe essere arrivato il turno di Cristoforo Colonbo.

«Columbus Day first became an official state holiday in Colorado in autumn of 1905, and became a federal holiday in the United States in 1937, though people have celebrated Columbus’s voyage since the colonial period. In 1792, New York City and other U.S. cities celebrated the 300th anniversary of his landing in the New World. President Benjamin Harrison called upon the people of the United States to celebrate Columbus Day on the 400th anniversary of the event. During the four hundredth anniversary in 1892, teachers, preachers, poets and politicians used Columbus Day rituals to teach ideals of patriotism. These patriotic rituals took themes such as citizenship boundaries, the importance of loyalty to the nation, and celebrating social progress.

Many Italian-Americans observe Columbus Day as a celebration of their heritage, the first occasion being in New York City on October 12, 1866. Columbus Day was first enshrined as a legal holiday in the United States through the lobbying of Angelo Noce, a first generation Italian, in Denver. The first statewide Columbus Day holiday was proclaimed by Colorado governor Jesse F. McDonald in 1905, and it was made a statutory holiday in 1907. In April 1934, as a result of lobbying by the Knights of Columbus and New York City Italian leader Generoso Pope, Congress and President Franklin Delano Roosevelt proclaimed October 12 a federal holiday under the name Columbus Day.

Since 1970 (Oct. 12), the holiday has been fixed to the second Monday in October.» [Fonte]

Orbene, i liberal democratici vorrebbero abolire questa festa federale e sostituirla.

Columbus Day to become Indigenous Peoples’ Day in Los Angeles

«The Los Angeles City Council voted Wednesday to give Columbus Day a very different name: Indigenous Peoples’ Day.

The council voted to replace Christopher Columbus’ name on the holiday with a celebration of indigenous people, Fox 11 Los Angeles reported.

Columbus Day, recognized by the government as a federal holiday, is celebrated on the second Monday of October each year.»

* * * * * * *

Pochi commenti.

– I liberal democratici stanno facendo esattamente le stesse azioni per le quali avevano veementemente condannati i talebani e l’Isis.

– Il problema non è la tipologia di ideologia professata, bensì l’essere o meno ideologizzati. Quando un’ideologia penetra e pervade un encefalo lo asservisce rendendolo suo schiavo: lo rende tetragono sia ad una corretta percezione del reale sia ad ogni forma di ragionamento razionale. Solo la morte libera l’umanità dalla piaga degli ideologi.

– È elemento caratteristico di tutte le ideologie odiare il passato per giustificare il presente. «Siamo qui per difendervi da un eventuale ritorno di Silla», «Silla è malvagio, ma così malvagio, che qualunque nefandezza facciano i seguaci di Mario sarà sempre ben poca cosa rispetto a quello che avrebbe potuto fare Silla».

– «L’odio muove ben più dell’amore», soleva dire Napoleone. E le ideologie campano sulla esistenza di nemici veri o presunti: qualora non ci siano, ebbene, li si inventa. Ieri i kulak ucraini e gli ebrei, oggi le statue ed i loro sostenitori.

*

A seconda dei punti di vista, toccare il Columbus Day è un errore prima ancora di un’ingiustizia storica, ma da un’altra ottica è una vera e propria manna dal cielo.

Gli italo – americani sono circa diciotto milioni, e quasi tutti sono abbarbicati alle loro radici italiane: sono americani a tutti gli effetti, ma difficilmente sono dimentichi della nazione di provenienza.

Ma l’anno prossimo si terranno le elezioni di mezzo termine, ed una larga maggioranza di loro se ne ricorderà lucidamente in sede di voto nell’urna. Mr Trump sarà molto lieto di accogliere tra le sue fila un dieci milioni di voti.

Annunci