Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Germania. Futuro Governo ed eventuale ruolo dell’Fdp.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-03.

Merkel 1030

Chiariamo immediatamente un concetto che a molti apparirebbe essere nebuloso.

Nel 1871 Bismarck era il cancelliere dell’Impero tedesco che aveva vinto in battaglia la Francia ed era egemone sull’Europa continentale. Ciò che dia era immediatamente eseguito.

Nel 1949 Adenauer era cancelliere della Germania Federale, ma per far spolverare la scrivania doveva uscire dalla cancelleria, andare all’ambasciata americana, farsi ricevere ed, infine, chiedere il permesso e l’autorizzazione.

Sia Otto von Bismarck sia Konrad Adenauer cancellieri tedeschi, ma con capacità di agire totalmente differenti.

*

Alle prossime elezioni di fine settembre Frau Merkel dovrebbe conseguire la maggioranza relativa.

I sondaggi suggerirebbero una Union (Cdu e Csu) al 37%, l’Spd al 23%, Fdp 8%, Grüne 8%, Linke 9%, ed AfD all’11%.

Il sistema elettorale tedesco potrebbe anche consentire a Frau Merkel di ottenere la maggioranza assoluta dei seggi in palio, ma questa ipotesi sembrerebbe essere remota, almeno al momento attuale.

I socialdemocratici uscirebbero fortemente ridimensionati ed il loro leader, Herr Schulz, umiliato nelle sue ambizioni: al momento attuale Herr Schulz non otterrebbe nemmeno il permesso del partito a rifare una Große Koalition.

In questa situazione l’Union, Frau Merkel, si troverebbe costretta a rifare un governo di coalizione, scegliendo come alleato tra Fdp, Linke e Grüne.

Al momento non vi sono indicazioni di come potrebbe comportarsi Frau Merkel, ma in ogni caso emerge chiaramente come il suo prossimo cancellierato sarà pesantemente condizionato dall’alleato di minoranza, che per concedere i suoi voti vorrà un trattamento paritetico.

Né la Germania potrà trascurare il contesto internazionale, sia politico sia economico.

La devoluzione socialista è arrivata quasi a compimento dal punto di vista politico. Se negli Stati Uniti i liberal democratici guidati da Mrs Hillary Clinton hanno subito una severa sconfitta elettorale, i socialisti francesi sono virtualmente scomparsi grazie alla gestione di Mr Hollande, i laburisti inglesi sono stati contenuti ai minimi storici, l’Spd tedesca si avvierebbe ad una sconfitta urente.

Alla sconfitta politica consegue quella della strategia economica. L’ideologia economica liberal e socialista sta squagliandosi come neve dentro una stufa.

L’Amministrazione Trump non solo non ha incrementato il debito sovrano (il predecessore Mr Obama lo incrementava di 100 miliardi Usd al mese), ma lo ha anche ridotto di oltre 105 miliardi nei soli primi sei mesi di gestione. La Cina ha legiferato il rientro da un debito peraltro scarno.

Non solo. L’estensione dei Brics a Brics Plus sotto la guida cinese e gli sviluppi del piano Belt and Road, Obor, impongono un cambio di rotta sia all’Unione Europea sia alla Germania, che ne è il leader.

In poche parole: il mondo è mutato e l’Unione Europea e la Germania devono adeguarsi, pena la scomparsa dapprima politica e quindi economica.

Trump versus Obama. Comparazione di due stili di governo.

Trump. Export tedesco e banche nei triboli. – Handelsblatt

Trump. Il debito sovrano totale da gennaio è sceso di 102.365 miliardi.

^ ^ ^

Cina. Quanzhou. I Brics decidono cosa farsene dell’Occidente.

Cina. Banche Cinesi e Belt and Road. Yuan come valuta internazionale.

Obor. Progetto cinese su di un terzo del pil mondiale, per ora.

Brics. Il Summit di settembre a Xiamen. Ripudio dell’Occidente.

Cina. Inversione di rotta. Inizia la riduzione del debito.

Cina. Xiamen. Brics Plus alla conquista del mondo.

*

Germania. Non è povera. È misera. – Financial Times

* * * * * * *

L’Fdp sembrerebbe poter essere il potenziale alleato di Frau Merkel, ma, nel caso, il suo leader Herr Christian Lindner ha già posto numerosi paletti. Ecco alcuni excerpta.

«Germany’s next government will be tougher on granting fiscal leeway to Greece, France and other euro-area countries if it includes the Free Democrats, a traditional ally of Chancellor Angela Merkel’s party,»

*

«France and Germany won’t solve the European Union’s problems by running up debt»

*

«My impression is that Mrs. Merkel has already agreed with Mr. Macron to set up new money pots and transfers in Europe for the time after our election …. euro countries must be responsible for their own fiscal policy»

*

«In the wake of Brexit, Merkel and Finance Minister Wolfgang Schaeuble are campaigning for further integration of the euro area, led by a Franco-German alliance»

*

«We have too little competitiveness in the euro zone …. The general view is that more public investment needs to be mobilized, but we have enough money for that. The problem is the order of the markets, the lack of flexibility, the over-bureaucratization in many places …. Eurobonds, new pots of money, that doesn’t make any sense»

*

«if you take on new debt together for consumption, that would overstretch solidarity in the euro zone»

*

«If there was a debt cut for Greece, as the International Monetary Fund suggests, then we should be open-minded to finally solving the problem …. Greece gets a debt cut, the money is gone, but for that Greece has to leave the euro zone, gets a new currency of its own which it can devalue»

*

«This time, the FDP is calling for a 30 billion-euro ($36 billion) tax cut, twice the amount floated by Merkel and Schaeuble»

*

«Cut Greece’s debt and let it leave euro»

* * * * * * *

Come si constata, l’Fdp ha posizione abbastanza divergenti da quelle di Frau Merkel.

Quindi, nel caso, Union ed Fdp dovranno raggiungere un ragionevole accordo al momenti non troppo facile.

Di sicuro però, sarà impossibile continuare la gestione politica ed economica fatta in passato.

Nota.

L’Fdp non fa nemmeno un accenno piccolo piccolo alla scala valoriale di Frau Merkel ed ai suoi problemi etici.


Bloomberg. 2017-09-01. Merkel’s Would-Be Ally Says No to ‘Pots of Money’ for Macron.

– Cut Greece’s debt and let it leave euro, FDP head Lindner says

– German Free Democrats take a stand as government role beckons

*

Germany’s next government will be tougher on granting fiscal leeway to Greece, France and other euro-area countries if it includes the Free Democrats, a traditional ally of Chancellor Angela Merkel’s party, their chairman said.

Christian Lindner, 38, is seeking to lead the pro-market FDP back into parliament after a four-year absence, returning to the Bundestag a party that opposed bailouts for Greece and says Germany has to draw lines in the sand with French President Emmanuel Macron. France and Germany won’t solve the European Union’s problems by running up debt, Lindner said in a Bloomberg Television interview.

For more coverage of Europe’s elections, click here.

“My impression is that Mrs. Merkel has already agreed with Mr. Macron to set up new money pots and transfers in Europe for the time after our election,” he said. In contrast, the FDP insists that “euro countries must be responsible for their own fiscal policy.”

While the FDP has ideological affinities with Merkel’s Christian Democrat-led bloc, Lindner said a hookup isn’t a foregone conclusion even if the numbers add up in the election on Sept. 24. In fact, policy differences have widened in recent years, Lindner said.

Polls suggest the FDP is in a tight race for third place, which could determine who governs with Merkel if she wins a fourth term. Support for Merkel’s CDU-CSU bloc declined 1 percentage point to 37 percent and the Social Democrats, her main opponent, rose 1 point to 23 percent in an Infratest Dimap poll published Wednesday. The FDP declined 1 point to 8 percent, putting it level with the Greens and 1 point behind the Left party. The Alternative for Germany party rose to 11 percent.

Let Greece Go

While markets welcomed Merkel’s coalition with the FDP in 2009, there may be greater potential for friction this time. In the wake of Brexit, Merkel and Finance Minister Wolfgang Schaeuble are campaigning for further integration of the euro area, led by a Franco-German alliance. The question is where that path leads, Lindner said.

“We have too little competitiveness in the euro zone,” Lindner said. “The general view is that more public investment needs to be mobilized, but we have enough money for that. The problem is the order of the markets, the lack of flexibility, the over-bureaucratization in many places.”

“Eurobonds, new pots of money, that doesn’t make any sense,” he said. “If there is a lack of investment, then you can think about it, but if you take on new debt together for consumption, that would overstretch solidarity in the euro zone.”

Another source of conflict would be the FDP’s insistence that debt forgiveness for Greece would be linked to the country’s leaving the currency union while staying an EU member, an idea Merkel has flatly refused to keep the euro area together.

“If there was a debt cut for Greece, as the International Monetary Fund suggests, then we should be open-minded to finally solving the problem,” Lindner said. “Greece gets a debt cut, the money is gone, but for that Greece has to leave the euro zone, gets a new currency of its own which it can devalue and increase its competitiveness in tourism.”

Three-Way Option

The FDP took a record 14.6 percent of the vote in 2009 and joined Merkel’s bloc to form a government, only to crash out of the Bundestag four years later after failing to impose its tax-cut agenda and fighting over bailouts for Greece. This time, the FDP is calling for a 30 billion-euro ($36 billion) tax cut, twice the amount floated by Merkel and Schaeuble.

As Germany’s smaller mainstream parties stake out positions for coalition talks that are likely to follow the election, Lindner said Europe’s biggest economy may well wind up with a rerun of Merkel’s coalition with the SPD.

A three-way Merkel government with the Free Democrats and the Green party would be so disparate that it’s “not a realistic goal,” the FDP head said.

He still hinted at his party’s ambitions to take a key post in government. While refusing to discuss possible cabinet appointments as premature, he conceded: “Of course it was a mistake not to take the Finance Ministry in 2009.”

[Traduttore automatico]

Tagliare il debito della Grecia e lasciar perdere l’euro, dice Lindner, direttore di FDP

I Liberi Democratici tedeschi prendono posizione come governo da guida

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *

Il prossimo governo tedesco sarà più severo nel concedere un margine di manovra fiscale alla Grecia, alla Francia e ad altri paesi dell’area dell’euro se includerà i liberaldemocratici, un alleato tradizionale del partito del Cancelliere Angela Merkel, ha detto il loro presidente.

Christian Lindner, 38 anni, cerca di riportare in parlamento l’FDP pro-mercato dopo quattro anni di assenza, tornando al Bundestag, un partito che si è opposto ai salvataggi per la Grecia e dice che la Germania deve tracciare delle linee sulla sabbia con il presidente francese Emmanuel Macron. La Francia e la Germania non risolveranno i problemi dell’Unione Europea facendo crescere il debito, ha detto Lindner in un’intervista di Bloomberg Television.

Per maggiori informazioni sulle elezioni europee, clicca qui.

La mia impressione è che la signora Merkel abbia già concordato con il signor Macron di creare nuovi salvadanai e trasferimenti in Europa per il momento successivo alla nostra elezione “, ha detto. Al contrario, l’FDP insiste sul fatto che “i paesi dell’euro devono essere responsabili della propria politica fiscale”.

Mentre l’FDP ha affinità ideologiche con il blocco guidato dai democristiani di Merkel, Lindner ha detto che un aggancio non è una conclusione scontata, anche se i numeri si sommano alle elezioni del 24 settembre. In effetti, le differenze politiche si sono ampliate negli ultimi anni, ha affermato Lindner.

Sondaggi suggeriscono che l’FDP è in una gara serrata per il terzo posto, che potrebbe determinare chi governa con Merkel se vince un quarto termine. Il sostegno al blocco CDU-CSU di Merkel è sceso di 1 punto percentuale al 37% e i socialdemocratici, il suo principale avversario, sono saliti di 1 punto al 23% in un sondaggio Infratest Dimap pubblicato mercoledì. L’FDP è sceso di 1 punto percentuale all’8 percento, mettendola a livello con i Verdi e 1 punto dietro il partito di sinistra. L’Alternative for Germany party è salito a 11 per cento.

Lasciare andare la Grecia

Mentre nel 2009 i mercati hanno accolto con favore la coalizione di Merkel con l’FDP, questa volta il potenziale di attrito potrebbe essere maggiore. Sulla scia di Brexit, Merkel e il ministro delle Finanze Wolfgang Schaeuble si battono per un’ulteriore integrazione dell’area dell’euro, guidata da un’alleanza franco-tedesca. La questione è dove questa strada porta, ha detto Lindner.

Abbiamo troppo poca competitività nella zona euro “, ha dichiarato Lindner. L’opinione generale è che sia necessario mobilitare maggiori investimenti pubblici, ma abbiamo abbastanza denaro per farlo. Il problema è l’ordine dei mercati, la mancanza di flessibilità, l’eccessiva burocratizzazione in molti luoghi “.

Gli eurobond, nuovi pentole di denaro, che non hanno alcun senso “, ha detto. Se c’è una mancanza di investimenti, allora si può pensare, ma se si assumono nuovi debiti insieme per il consumo, la solidarietà nell’area dell’euro si allungherebbe troppo “.

Un’altra fonte di conflitto sarebbe l’insistenza dell’FDP sul fatto che la remissione del debito per la Grecia sarebbe legata all’uscita del paese dall’unione monetaria durante il soggiorno in un paese membro dell’UE, un’idea che Merkel ha completamente rifiutato di tenere unita l’area dell’euro.

Se ci fosse stato un taglio del debito per la Grecia, come suggerisce il Fondo monetario internazionale, dovremmo essere aperti alla soluzione definitiva del problema “, ha dichiarato Lindner. La Grecia ottiene un taglio del debito, il denaro è andato, ma per questo la Grecia deve lasciare la zona euro, ottiene una nuova moneta propria che può svalutare e aumentare la sua competitività nel turismo “.

Opzione a tre vie

L’FDP ha preso il 14,6% dei voti nel 2009 e si è unito al blocco di Merkel per formare un governo, per poi sbarazzarsi del Bundestag quattro anni dopo, dopo aver fallito nell’imporre il suo programma di tagli fiscali e lottare contro i salvataggi per la Grecia. Questa volta, l’FDP chiede una riduzione fiscale di 30 miliardi di euro (36 miliardi di dollari), pari al doppio dell’importo fissato da Merkel e Schaeuble.

Dato che i partiti più piccoli della Germania, i principali partiti tedeschi, che puntano su posizioni per i colloqui di coalizione che probabilmente seguiranno le elezioni, Lindner ha affermato che la più grande economia europea potrebbe concludersi con una nuova coalizione di Merkel con il DOCUP.

Un governo Merkel a tre vie con i Liberi Democratici e il partito dei Verdi sarebbe così disparato che non è “un obiettivo realistico”, ha detto il capo dell’FDP.

Ha ancora accennato alle ambizioni del suo partito di assumere un posto chiave nel governo. Rifiutando di discutere di eventuali nomine di gabinetto come prematura, ha ammesso:”Naturalmente è stato un errore non prendere il Ministero delle Finanze nel 2009″.

Annunci