Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Italia. Barometro Politico Demopolis.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-01.

2017-08-30__Demopolis__002

L’Istituto Demopolis ha rilasciato i dati relativi all’ultimo sondaggio elettorale.

«Il Movimento 5 Stelle e il Partito Democratico, nonostante una lieve flessione, si confermano le principali forze politiche del Paese. Se si votasse oggi per Camera, il M5S avrebbe il 27%, superando di quasi un punto il partito di Renzi, attestato al 26,2%; la Lega otterrebbe il 14%, di fatto affiancata da Forza Italia al 13,7%.

Sono i dati rilevati dal Barometro Politico dell’Istituto Demopolis, diretto da Pietro Vento, che ha verificato gli effetti delle Amministrative e dell’emergenza immigrazione sul consenso alle Politiche. Si conferma la crescita dell’area di Centro Destra, rilevata negli ultimi mesi da Demopolis: la somma complessiva dei tre partiti guidati da Salvini, Berlusconi e Meloni raggiunge oggi il 32,5%, nonostante alcune evidenti distanze tra i 3 leader.

In base alla simulazione effettuata dall’Istituto Demopolis, con questi numeri nessuna forza politica avrebbe oggi alla Camera una maggioranza in grado di ottenere la fiducia per un nuovo Governo.

Sul quadro politico pesa la crescente disaffezione al voto degli italiani. Netto appare il calo dell’affluenza, dal 75% del 2013 al 62% di oggi. Secondo la stima Demopolis, voterebbero oggi meno di 30 milioni di italiani, circa 18 milioni sceglierebbero l’astensione. “La legge elettorale in vigore, di fatto un proporzionale puro che non lascia intravedere nessun possibile vincitore a chiusura delle urne – afferma il direttore di Demopolis Pietro Vento – non costituisce certamente un incentivo alla partecipazione”.

Nota informativa – L’indagine è stata condotta dall’Istituto Demopolis, diretto da Pietro Vento, nel mese di luglio 2017, su un campione di 1.500 intervistati, rappresentativo della popolazione italiana maggiorenne. Supervisione della rilevazione demoscopica con metodologie integrate cawi-cati-cami di Marco E. Tabacchi. Coordinamento del Barometro Politico Demopolis a cura di  Pietro Vento, con la collaborazione di Giusy Montalbano e Maria Sabrina Titone.»

2017-08-30__Demopolis__001

* * * * * * *

La situazione italiana nelle proiezione sembrerebbe essersi cristallizzata. Due gli elementi di rilievo, peraltro ampiamente noti.

In primo luogo, sarebbe previsto un assenteismo del 38%, voterebbero oggi meno di 30 milioni di italiani, circa 18 milioni sceglierebbero l’astensione.

In secondo luogo, i tre grandi raggruppamenti politici, PD, M5S e destra, ossia Lega più Forza Italia, otterrebbero ciascuno circa un terzo dei voti.

«La legge elettorale in vigore, di fatto un proporzionale puro che non lascia intravedere nessun possibile vincitore a chiusura delle urne».

* * * * * * *

Di qui alla prossima tornata elettorale passerà un annetto, ma dal pregresso la situazione di stallo politico sembrerebbe essersi consolidata.

Si dovrebbe notare un effetto paradosso.

Nel bene o nel male, il giudizio varia a seconda del punto di vista, sulla giunta pentastellata di Roma la sinistra pidiina ha scatenato una guerra mediatica e giudiziaria difficilmente riscontrabile nella storia italiana.

Tuttavia, a vedere i risultati, non hanno sortito risultato di sorta.

Forse, se il partito democratico invece di cercare di demonizzare gli avversari politici si fosse dato da fare a raccattare consensi, non languirebbe al 26.2%.

Per sorte, fortuna o sfortuna secondo i punti di vista, alla guida del partito democratico non ci sono certo personaggi della taglia di un Lenin oppure di un Togliatti.

Annunci