Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Giustizia, Senza categoria

Trump. Nomine dei giudici federali nel primo circuito.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-05-24.

Tribunale 010

Ecco degli stralci dal Il sistema giuridico negli Stati Uniti d’America, edito da Uniroma1.

*

«Il Potere Giudiziario Federale

Il potere giudiziario federale è un ramo completamente separato ed autonomo. Il potere giudiziario ha il compito di interpretare e stabilire la costituzionalità delle leggi federali e di risolvere le controversie riguardanti tali norme.
La Costituzione garantisce l’indipendenza del potere giudiziario stabilendo che:

– i giudici federali, nominati secondo l’art. III della Costituzione, possono restare in carica a vita e possono essere destituiti solo in seguito a “impeachment” e solo qualora il Congresso abbia accertato atti di tradimento, corruzione, o altri gravi reati a loro carico;

– la retribuzione dei giudici federali nominati secondo l’art. III della Costituzione non può essere ridotta durante la loro permanenza in carica: dunque, né il Presidente, né il Congresso hanno alcuna facoltà di ridurre lo stipendio dei giudici federali. Queste due salvaguardie consentono ad un organo giudiziario indipendente di deliberare senza vincoli imposti da influenze politiche o passioni popolari.

L’art. III della Costituzione stabilisce, altresì, che il potere giudiziario degli Stati Uniti è affidato ad una Corte Suprema ed a tanti tribunali di ordine inferiore quanti il Congresso stabilirà all’occorrenza.»

*

«La Struttura dei Tribunali Federali (vedi suddivisione 5.1, 5.2 e 5.3)

Salvo alcune eccezioni di rilievo, la competenza dei tribunali federali si estende ad un’ampia varietà di casi. Gli stessi giudici federali si occupano di procedimenti civili e penali, di controversie che rientrano nel settore del diritto pubblico e privato, di cause riguardanti persone fisiche, giuridiche ed organismi governativi, di ricorsi in appello a seguito di provvedimenti di enti amministrativi e di questioni regolate dalla legge o dal diritto consuetudinario (equity).

Non esistono corti costituzionali separate, dal momento che ogni tribunale ha competenza in merito alla costituzionalità delle leggi federali e di altri atti dello Stato cui si faccia riferimento nel corso dei procedimenti istituiti davanti ad esso. In linea di principio, i tribunali federali sono competenti a giudicare i casi che riguardano il governo degli Stati Uniti o i suoi rappresentanti, la Costituzione degli Stati Uniti o le leggi federali, oppure controversie tra Stati o tra gli Stati Uniti e i governi stranieri.

5.1) Tribunali di Prima Istanza

I tribunali distrettuali sono i principali tribunali di prima istanza nel sistema giudiziario federale. Essi hanno competenza per quasi tutti i tipi di procedimenti federali. Ogni distretto giudiziario federale comprende un tribunale fallimentare che opera all’interno di una sua sezione. Esistono, inoltre, due tipi speciali di tribunali di prima istanza che hanno competenza su tutto il territorio nazionale per alcune materie specifiche. Il Tribunale del Commercio Internazionale si occupa appunto dei casi che riguardano il commercio internazionale e la normativa doganale. Il Tribunale degli Stati Uniti per i Ricorsi Federali è competente, invece, per le controversie riguardanti gli appalti del governo federale, l’appropriazione di beni privati da parte dello stesso governo e per una serie di altri ricorsi di natura economica nei confronti del governo. I procedimenti davanti ai tribunali di prima istanza sono condotti da un solo giudice, singolarmente o con l’appoggio di una giuria, composta da cittadini e incaricata di accertare i fatti del caso.
La Costituzione prevede il diritto alla giuria in molte tipologie di casi, tra i quali:

– tutti i processi penali per reati gravi;

– i procedimenti per i quali il Congresso ha espressamente previsto il ricorso alla giuria.

5.2) Le Corti di Appello

I distretti giudiziari sono organizzati in circuiti regionali, in ciascuno dei quali è presente una Corte d’Appello. Ognuna di esse giudica i ricorsi provenienti dai tribunali distrettuali appartenenti al proprio circuito e da alcuni enti amministrativi federali. Inoltre, la Corte d’Appello federale ha competenza su tutto il territorio nazionale in merito ad alcuni casi specifici, tra i quali quelli relativi alle leggi sui brevetti e quelli sui quali si sono pronunciati i Tribunali per il Commercio Internazionale e il Tribunale per i Ricorsi Federali.

Il diritto all’appello si applica a tutti i procedimenti sui quali si è pronunciato un tribunale distrettuale con una decisione definitiva. Le Corti d’Appello sono di regola composte da tre giudici.»

*

«I giudici federali sono nominati a vita dal Presidente, previo consenso del Senato, dove vige la tradizione del “Senatorial courtesy”. In altre parole, se il nominato non piace ai senatori del circuito in cui deve operare, il Senato non ne accetta la nomina»

*

«Alla base ci sono le 94 US District Courts (almeno una per stato) e ogni stato è all’interno di uno degli 11 Circuiti federali, più due a Washington DC.»

*

Estraiamo invece da Elementi introduttivi per i magistrati e gli amministratori giudiziari di altri paesi

«La presente pubblicazione è stata redatta dall’Ufficio Amministrativo dei Tribunali degli Stati Uniti per fornire una prima descrizione del sistema giudiziario federale, della relativa organizzazione e amministrazione, del suo rapporto con i rami legislativo ed esecutivo del governo federale, e del suo rapporto rispetto ai sistemi dei tribunali degli stati.»

* * * * * * * *

Trump. Lunedì scatta l’operazione sulle Corti di Giustizia. Una vera rivoluzione.

Trump. Se gli riuscisse questo colpo sarebbe chiamato il Grande.

Mr Trump. Secondo alcuni non avrebbe fatto nulla. White House Actions.

Trump. Marcia verso la conquista del vero potere. – Bbc.

Trump. Deobamizzare la Civil Rights Division.

Trump. Neil Gorsuch nominato alla Suprema Corte. Sviluppi futuri.

Usa. La Suprema Corte del Wisconsin rigetta una petizione sui giudici.

Giudice Ruth Bader Ginsburg, Decano della Corte Suprema degli Stati Uniti.

*

È inutile girare attorno al problema o fingere di usare il politicamente corretto in modo tartufesco.

Nel mondo occidentale odierno le Corti di Giustizia amministrano tutto tranne che la Giustizia.

Sono organi politici a tutti gli effetti, che calpestano costituzione, leggi e tradizioni sotto l’escamotage che le leggi si “interpretano“: obbediscono solo ed unicamente al potere vigente, vero o presunto che sia.

Essendo i loro giudizi inappellabili, sono il vero e concreto strumento di dittatura del potere.

La persona ovvero la lobby ovvero ancora il partito che governa le Corti di Giustizia è il dittatore dell’Occidente, per quello che ancora può valere.

Questo spiega la reazione da caricatura delle checche isteriche dei liberals democratici: sanno benissimo che nominare nelle Corti 139 giudici federali quarantenni a vita, tutti repubblicani, li annienterebbe. Giocano convulsamente il tutto per tutto: sanno che sarebbero trattati per come loro hanno trattato.

The Washington Times. 2017-05-18. Trump’s first circuit judge nominee advances to Senate for confirmation

The first of President Trump’s slate of circuit court nominees cleared the Judiciary Committee on Thursday as Republicans prepared to move swiftly on stocking the federal courts with what backers hope will be an army of conservatives.

Judge Amul Thapar, who is currently on a federal district court in Kentucky, was approved for a seat on the 6th Circuit by the Senate Judiciary Committee. The 11-8 vote sends his nomination to the Senate floor for a final confirmation vote.

Sen. Mazie Hirono, Hawaii Democrat, didn’t cast a vote.

He should be able to win confirmation on the floor, given the GOP’s 52-48 edge in the Senate. Since 2013, when Democrats triggered the “nuclear option” shortcut to change the rules, it takes only a majority vote to break a filibuster on appeals court nominees.

Democrats on the committee voted against the judge, saying he equates campaign donations with speech and is tied to the Federalist Society, which helped Mr. Trump form a list of potential Supreme Court justices during his campaign.

The committee’s top Democrat Sen. Dianne Feinstein said she was unable to vote for the judge because of a case where he held an individual supports an organization by using words, just as one supports an organization by donating money.

“Words and money are in fact different,” Ms. Feinstein said.

But the committee’s Chairman Sen. Charles E. Grassley, Iowa Republican, said the judge’s decade long record speaks for itself.

“The judge isn’t against the little guy. He applies the law faithfully,” Mr. Grassley said.

Judge Thapar has sat on the U.S. District Court for the Eastern District of Kentucky for roughly 10 years. He’s the first ever South Asian Pacific American federal judge, and he’ll be the second South Asia Pacific American circuit court judge.

He was the first circuit court pick Mr. Trump made, and his confirmation process was much less contentious than that of Supreme Court Justice Neil Gorsuch.

Mr. Trump faced 20 circuit court vacancies when he took office, and he has offered nominees to fill six of them so far. He’s expected to approve the rest of his first slate of circuit picks next month.

Annunci