Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Devoluzione socialismo, Finanza e Sistema Bancario

Germania. Le banche non son quasi più tedesche. Grazie Frau Merkel.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-05-06.

Vispa-teresa

La Germania delle femmine ideologizzate si sta sgretolando nei rivoli della schizofrenia con screzio paranoide.

‘La morte di una persona può salvare un popolo’, diceva Caifa profetando.

Erano ideologicamente convinte che la globalizzazione sarebbe stata il paradiso terrestre perché si illudevano di poterne essere loro le proprietarie. Erano o non erano femmine? Spettava loro di diritto. Nei denti!

*

Parole dure?

Giudichi il Lettore.

*

Frau Merkel è andata in Arabia Saudita per cercare di vendere un po’ di armamenti tedeschi.

«German Chancellor Merkel has arrived in the Saudi port city of Jeddah to hold talks with the kingdom’s authorities. Women’s rights are high on her agenda following massive criticism of Riyadh’s UN women’s body role.»

*

«dedicated to the promotion of gender equality and the empowerment of women.»

*

Questa è stata la gelida risposta araba:

«We will not cause any more problems for the German government with new requests for weapons»

*

Due giorni dopo Frau Merkel è andata in visita da Mr Putin. Stessa identica scena: il Presidente russo non ne vuole proprio sapere di diventare omofilo.

*

Mrs von der Leyen, Ministro della Difesa tedesca, sta per perdere il posto sommersa dalle critiche asperrime sul fatto che qualche soldato tedesco aveva palpeggiato i glutei delle commilitone. Militari eterofili infiltrati nella Bundeswehr!

* * * * * * *

Sembrerebbe quasi che queste femmine poste ai vertici del governo tedesco siano affette da deliri sessuali da sindrome post climaterica. Roba da ospedale psichiatrico. Sono letteralmente ossesionate dal sesso degenere.

Ma mentre la Bundeskanzlerin Frau Merkel e la sua ministressa per la difesa Frau Ursula Von der Leyen sono tutte assorbite nei loro pruriti vaginali e clitoridei mai sufficientemente soddisfatti, il resto del mondo pensa a ben altro.

«HNA Group Co., the Chinese aviation-to-hotels conglomerate, increased its stake in Deutsche Bank AG to almost 10 percent to become the top shareholder in Europe’s largest investment bank »

*

«HNA’s holding in Germany’s biggest bank rose to 9.92 percent, according to a regulatory filing Tuesday by investment entities acting on HNA’s behalf»

*

«HNA’s voting rights in Deutsche Bank are formally held by a vehicle structured by Austrian asset manager C-Quadrat Investment AG. Alexander Schuetz, the CEO of C-Quadrat, has been nominated to join Deutsche Bank’s supervisory board after a confirmation vote of the bank’s annual general meeting on May 18»

*

«HNA’s holding surpasses BlackRock’s 5.9 percent investment, which had been the largest single stake reported in Deutsche Bank»

*

«Another of the bank’s key shareholders, former Qatari Prime Minister Sheikh Hamad bin Jassim bin Jabr Al Thani, used a margin loan of about $1 billion to fund his participation in the lender’s rights offer, people familiar with the matter said last month. Hamad bin Jassim and the former emir of the country, Sheikh Hamad bin Khalifa Al Thani, have a combined stake of about 10 percent in Deutsche Bank, a level which they currently plan to maintain»

*

A conti fatti, Deutsche Bank AG non è più a controllo tedesco.

Se questo è il risultato di avere femmine al governo, molto meglio relegarle in casa a fare la calza e lavare per terra. Ed ogni tanto, bastonarle per benino, proprio come fanno i loro amichetti islamici.

Nota.

Gli appetiti della HNA non si fermano certamente alla sola Deutsche Bank AG.

«The Chinese conglomerate has spent $30 billion on deals over the past year. Last month, HNA agreed to purchase 16.8 percent of Dufry, a stake with a market value of about 1.44 billion Swiss francs ($1.5 billion).»

*

«Nelle scorse settimane era circolata anche l’indiscrezione che Hna potesse essere fra gli acquirenti interessati alla banca regionale tedesca in crisi, Hsh Nordbank»


Bloomberg. 2017-05-03. Deutsche Bank’s Chinese Backer HNA Becomes Top Shareholder

– HNA, controlled by tycoon Chen Feng, lifts stake to 9.92%

– Chinese firm first disclosed stake in bank in February

*

HNA Group Co., the Chinese aviation-to-hotels conglomerate, increased its stake in Deutsche Bank AG to almost 10 percent to become the top shareholder in Europe’s largest investment bank.

HNA’s holding in Germany’s biggest bank rose to 9.92 percent, according to a regulatory filing Tuesday by investment entities acting on HNA’s behalf. The conglomerate initially reported a 3 percent stake in Deutsche Bank in February, saying at the time that it may increase its holding, while intending to remain below 10 percent. It disclosed a stake of almost 4.8 percent in March.

Deutsche Bank Chief Executive Officer John Cryan is focusing his attention on returning the lender to growth after grappling with losses resulting from legal probes and misconduct charges. Last month, the bank sold 8 billion euros ($8.8 billion) of new shares to bolster capital after abandoning an earlier plan to sell its Postbank unit.

“An anchor investor is positive for Deutsche Bank at this juncture,” said Michael Huenseler, a fund manager at Assenagon Asset Management, which owns the bank’s stock. “The concentration of share holdings among larger investors is not a problem.”

Led by billionaire Chen Feng, 63, HNA has been on a buying spree, acquiring stakes in Swiss duty-free operator Dufry AG, Singapore-based logistics provider CWT Ltd. and hotel operator Hilton Worldwide Holdings Inc. The Chinese firm was reported to have bid for HSH Nordbank, a regional bank in Germany, and earlier this year took a stake in asset manager SkyBridge Capital through HNA Capital, which has ambitions of becoming a global investment bank and financial-services provider.

HNA’s voting rights in Deutsche Bank are formally held by a vehicle structured by Austrian asset manager C-Quadrat Investment AG. Alexander Schuetz, the CEO of C-Quadrat, has been nominated to join Deutsche Bank’s supervisory board after a confirmation vote of the bank’s annual general meeting on May 18.

Spokesmen for Deutsche Bank and C-Quadrat declined to comment.

HNA’s holding surpasses BlackRock’s 5.9 percent investment, which had been the largest single stake reported in Deutsche Bank, according to data compiled by Bloomberg.

Another of the bank’s key shareholders, former Qatari Prime Minister Sheikh Hamad bin Jassim bin Jabr Al Thani, used a margin loan of about $1 billion to fund his participation in the lender’s rights offer, people familiar with the matter said last month. Hamad bin Jassim and the former emir of the country, Sheikh Hamad bin Khalifa Al Thani, have a combined stake of about 10 percent in Deutsche Bank, a level which they currently plan to maintain, the people said.

Buying Spree

Deutsche Bank fell 0.3 percent to 16.63 euros at 11:04 a.m. in Frankfurt trading on Wednesday. It has gained 8 percent this year and is up 77 percent from a low reached in September.

The Chinese conglomerate has spent $30 billion on deals over the past year. Last month, HNA agreed to purchase 16.8 percent of Dufry, a stake with a market value of about 1.44 billion Swiss francs ($1.5 billion).

Chen, who two decades ago walked the aisle of his startup Hainan Airlines Co.’s lone airplane serving refreshments, has struck deals from Australia to Switzerland in the past two years as he expands his empire beyond aviation and hotels. In 1995, Chen flew to New York and persuaded George Soros to invest $25 million in his fledgling airline, which now has a market value of $8.1 billion.


Deutsche Welle. 2017-05-03. China’s HNA now largest Deutsche Bank shareholder

Chinese financial services conglomerate HNA has become the top shareholder in Germany’s biggest lender, Deutsche Bank. The group did not appear to seek a strategic role despite owning shares worth billions of dollars.

*

China’s HNA Group raised its stake in Deutsche Bank to nearly 10 percent, the “Financial Times” reported Wednesday, thus becoming the largest shareholder in the German lender.

A filing made by asset manager C-Quadrat and other entities showed the Chinese had now acquired an aggregate 204.7 million shares.

It took HNA’s stake to 9.92 percent, following an initial stake of 4.76 percent, which it had earlier secured through C-Quadrat.

Passive role

Reuters reported that China’s HNA had thus replaced Qatar’s Al-Thani family as Deutsche’s biggest shareholder as well as asset manager BlackRock with its 5.88-percent holding.

The “Financial Times” pointed to HNA’s humble beginnings as a regional airline back in 1989, adding that the firm had “transformed itself into a sprawling holding company” with stakes in hotels, banks, airlines and logistics companies.

HNA is widely considered to be China’s most omnipresent overseas acquirer.

FT reporters noted the Chinese group had said it would be a passive investor, not seeking to take a strategic role at Deutsche Bank.


Sole 24 Ore. 2017-05-03. Deutsche Bank, i cinesi di Hna salgono al 10% e diventano primi soci

Il conglomerato cinese Hna ha alzato la sua quota in Deutsche Bank a quasi il 10%, il che ne fa il maggior azionista singolo della più grande banca tedesca, insieme a due fondi dell’emiro del Qatar, seguito dal colosso dei fondi d’investimento americano BlackRock con il 5,9 percento.

a Hna ha effettuato i primi acquisti di azioni Deutsche Bank nel febbraio scorso, comprando una partecipazione del 3%, poi portata al 4,8% a marzo. Ora la quota è stata elevata al 9,92 percento. All’epoca dei primi acquisti, il gruppo cinese aveva detto di voler essere un investitore passivo e di non voler superare il 10% del capitale. Le operazioni sono state compiute attraverso una holding austriaca, C-Quadrat, il cui amministratore delegato, Alexander Schuetz, è stato nominato nel consiglio di sorveglianza della banca tedesca. La Hna ha anche partecipato al recente aumento di capitale da 8 miliardi di euro da parte di Deutsche Bank.

Il conglomerato cinese nasce nel 1989 da una compagnia aerea privata, la Hainan, nella quale lavorava il suo fondatore, Chen Feng, e ha progressivamente allargato il suo raggio d’azione. Il grosso della crescita all’estero è avvenuto negli ultimi due anni, proprio quando le autorità di Pechino hanno imposto limitazioni agli investimenti all’estero dei gruppi nazionali, il che è stata interpretato come un segnale di via libera del Governo alle operazioni di Hna.

Nel solo ultimo anno, questa ha lanciato acquisizioni per circa 40 miliardi di dollari, espandendosi in altre compagnie aeree in Brasile e Sudafrica, nel settore alberghiero (Hilton Worldwide Holdings), nel duty free con l’acquisto di una quota della svizzera Dufry, nella logistica in Australia e nell’immobiliare a Londra, dove ha comprato diverse proprietà commerciali a Canary Wharf, la cittadella finanziaria a est della City. Nelle scorse settimane era circolata anche l’indiscrezione che Hna potesse essere fra gli acquirenti interessati alla banca regionale tedesca in crisi, Hsh Nordbank.


Sole 24 Ore. 2017-05-03. Dopo la quota in Deutsche, i cinesi in corsa per Landesbank tedesca Hsh Nordbank

FRANCOFORTE – La società finanziaria cinese Hna, che la scorsa settimana ha annunciato l’aumento della sua partecipazione in Deutsche Bank, è uno dei cinque contendenti in corsa per l’acquisto di Hsh Nordbank, la banca regionale tedesca in crisi salvata con capitali pubblici negli anni scorsi.

Cinesi saliti al 4,76% di Deutsche

Hna è uno dei cinque gruppi che hanno presentato un’offerta preliminare entro la scadenza di venerdì scorso. Il conglomerato cinese, che controlla anche compagnie aeree e hotel, oltre che banche, aveva annunciato la settimana scorsa di aver aumentato la sua quota in Deutsche Bankal 4,76 percento, dal 3%, dichiarandosi un investitore passivo e collocandosi comunque al quarto posto fra i soci della più grande banca tedesca, dopo due fondi dell’emiro del Qatar e la società di fondi BlackRock. La mossa su Hsh segnala un interesse a un’ulteriore penetrazione del settore bancario tedesco.

Il precedente salvataggio

La banca regionale Hsh Nordbank, entrata in crisi dopo la crisi finanziaria della fine del decennio scorso per il suo coinvolgimento come investitore nel mercato dei mutui subprime negli Stati Uniti e colpita in modo particolare dalla sua forte esposizione all’attività marittima, che ha generato un’alta percentuale di sofferenze, era stata salvata dalla città-stato di Amburgo e dallo Stato dello Schleswig-Holstein nel 2009. L’ulteriore peggioramento della sua situazione l’anno scorso aveva visto i due enti pubblici aumentare le proprie garanzie a favore della Landesbank da 7 a 10 miliardi di euro, sulla base di un accordo con la Commissione europea, nella quale si impegnavano a privatizzarla o chiuderla, in assenza di una cessione, entro la fine di febbraio 2018. Nel frattempo, Hsh Nordbank sta tentando un’operazione di ripulitura del bilancio, anche in questo caso con l’aiuto dei soci pubblici, cui l’anno scorso ha ceduto un portafoglio di crediti deteriorati da 5 miliardi di euro. Nel gennaio scorso ha venduto un altro pacchetto di crediti per 1,6 miliardi di euro a un gruppo di investitori finanziari. Nel 2016 ha chiuso l’esercizio in utile per 69 milioni di euro, contro 98 dell’anno precedente.

Anche Apollo in corsa

La gara che si è aperta con la presentazione delle offerte preliminari è il primo passo in quella direzione. Un altro dei cinque concorrenti all’acquisto di Hsh Nordbank, secondo informazioni riportate dall’agenzia Bloomberg, sarebbe la società di private equity americana Apollo Global Management, già coinvolta in un tentativo di acquisizione di Carige in Italia.

Diverse entità cinesi hanno mostrato interesse nel mercato tedesco, ma finora la maggior parte delle operazioni si è concentrata nel settore manifatturiero, soprattutto nelle macchine utensili. D’altra parte, non è la prima volta che acquirenti cinesi entrano in banche o altre istituzioni finanziarie europee, soprattutto sfruttando situazioni difficili. Società cinesi sono entrate per esempio in diverse operazioni nel settore finanziario in Portogallo.

Annunci