Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Olanda. Ultime proiezioni. Ma quale sarebbe mai il vero problema?

Giuseppe Sandro Mela.

2017-03-13.

2017-03-12__Olanda__Poll__001

Le ultime elezioni si tennero il 12 settembre 2012, mentre le prossime si terranno mercoledì 15 marzo. Il Parlamento Olandese è composto di 150 seggi. La maggioranza parlamentare necessita quindi di 76 voti.

Nell’ultimo mese le proiezioni elettorali sembrerebbero essere stabilizzate. Pigliamo atto che il Primo Ministro attualmente in carica, Herr Mark Rutte, ha emesso il recente prognostico:

Olanda. Elezioni. Herr Rutte assicura che prenderà 41 deputati e Wilders 15.

*

VVD. Volkspartij voor Vrijheid en Democratie. Partito per la Libertà nella Democrazia.

Seggi 41, proiezione: 24.

Anche se nominalmente il Vvd dice di collocarsi in un ambito di centro-destra, la sua linea politica ricalca sostanzialmente quella dei liberals democratici americani. È il partito di Mark Rutte.

*

PvdA. Partij van de Arbeid. Partito Laburista.

Seggi 38, proiezione: 9.

Questo un partito socialista ideologico, simile al Labour Party nel Regno Unito oppure alla socialdemocrazia tedesca.

*

PVV. Partij voor de Vrijheid. Partito della Libertà.

Seggi 15, proiezione: 22.

Questo partito rivendica la tradizione religiosa, storica, culturale e sociale olandese. È il partito di Geert Wilders.

*

SP. Socialistische Partij. Partito Socialista.

Seggi 15, proiezione: 15.

Pur essendo socialista ideologico, questo partito si oppone al Governo di Herr Rutte.

*

CDA. Christen-Democratisch Appèl. Appelloo Cristiano Democratico.

Seggi 13, proiezione: 22.

Al di là del nome, non ha quasi nulla di vestigia cristiane. Potrebbe essere definito con una blanda socialdemocrazia. È attualmente al Governo.

*

D66. Democraten 66. Democratici 66.

Seggi 12, proiezione: 17.

Partito che propone una concezione presidenziale dello stato ed ha una visione liberals sociale.

*

GL. GroenLinks. Verdi.

Seggi 4, proiezione: 20.

Raccoglie le spoglie dei Comunisti Olandesi, del Partito Socialista Pacifista, del Partito Radicale e del partito del Popolo Evangelico.

2017-03-13__Olanda__001

* * * * * * *

I Paesi bassi sono una monarchia costituzionale dal 1815.

Il governo Rutte è sostenuto da una coalizione di VVD, PVV, CDA e due fuoriusciti, che dispone di 76 voti su 150 nella camera bassa e di 37 voti su 75 nella camera alta.

Alcune considerazioni.

In primo luogo, l’Olanda presenta una situazione politica frammentaria, ove i partiti non riescono a superare un modesto 20% dell’elettorato. A ciò si aggiungano rancori e recriminazioni stratificate nel tempo ed un tasso di litigiosità degno di una realtà sudamericana. Le coalizioni che si sono succedute sono state formate più in odio all’opposizione che per somiglianza di visioni politiche.

In secondo luogo, molti partiti sono frutto gemmazioni e/o scissioni, fatto questo che acuisce le conflittualità.

In terzo luogo, vi sono asperrime diatribe sul modo di concepire l’Unione Europea, anche se la maggior parte dei partiti tradizionali sarebbero favorevoli all’Unione Europea, sia pur in forma meno accentratrice. I partiti che non condividono l’operato di questo establishment sono bollati come eretici, trattati come appestati, ed i loro rappresentanti portati in tribunale per reati di opinione: proprio come sotto il regime comunista oppure quelle nazionalsocialista.

*

Adesso cerchiamo di ragionare.

Ragionando sui dati delle proiezioni elettorali, la prima cosa che salta agli occhi è il crollo verticale del partito laburista. Aveva 38 seggi ed è proiettato vuoi per 9 vuoi per 13.

Questo sarà il vero grande risultato delle elezioni olandesi. Scompare come forza politica organizzata la componente socialista vicina ai socialisti francesi ed ai socialdemocratici tedeschi, uniti nella internazionale socialista. La connection si spezzerà, con tutte le conseguenze.

Stesso ragionamento vale per il VVD.

I due principali partiti tradizionali olandesi escono con le ossa rotte. Ovviamente, strilleranno che hanno vinto, che hanno stravinto perché Geert Wilder non ha preso la maggioranza assoluta dei voti e dei seggi: ma in ogni caso si stanno avviando ad una sconfitta storica.

Se è vero che il Pvv dovrebbe ottenere tra i 22 ed i 25 seggi, balzo in avanti di grandi proporzioni, è altrettanto vero che un balzo del genere lo farebbero anche i Grüne.

Sicuramente il paese risulterà ancor meno governabile rispetto al passato e ben difficilmente Herr Rutte potrà essere confermato come primo ministro.

Ma altrettanto sicuramente non saranno certo stati i 22 – 25 seggi conquistati da Geert Wilder ad aver determinato questa situazione.

Il vero elemento nuovo è che sono i partiti tradizionali ad essere crollati, non Geert Wilder ad essere cresciuto.

Di certo nessun Governo olandese potrà più prendere sottogamba le istanze del Pvv, pena il vederlo tracimare, ma con il 15% dei parlamentari il Pvv non può materialmente essere un serio pericolo per l’establishment, che continuerà imperterrito sulla sua strada.

Alla fine faranno uno sgorbietto di governicchio in perenne lite tra i supporter, ossequioso a quella che si delinea essere la nuova governance europea: la Banca Rothschild, che si sta apprestando a governare direttamente anche la Francia.

Quindi, non dovrebbero essere queste le vere preoccupazioni dell’élite dominante.

A nostro personale parere, gli attuali maggiorenti sono terrorizzati dal fatto che, mentre il partito di Geert Wilder è una realtà propositiva, crede nel suo retaggio, avanza idee costruttive, l’unica idea che coagula tutti contro il Pvv è la paura che ne hanno del medesimo. E siccome non sanno più proporre nulla sono destinati a finire nella pattumiera della storia. Stando alle proiezioni, i partiti tradizionali olandesi dovrebbero prendere una batosta annichilente e scomparirebbero sostituiti rattamente dalla onnipresente banca Rothschild: cambiano i suonatori ma la musica sarà la stessa.

In ogni caso mercoledì 15 avremo i risultati elettorali.

Annunci

3 pensieri riguardo “Olanda. Ultime proiezioni. Ma quale sarebbe mai il vero problema?

I commenti sono chiusi.