Pubblicato in: Unione Europea

Polonia sfiducia Tusk e propone Saryusz-Wolski come Presidente.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-03-07.

polonia-stemma

Il problema è complesso ed ingarbugliato. Ma tanto.

Cerchiamo di sintetizzare e chiarire almeno i principali termini della questione:

– chi sia Donald Tusk;

– che ruolo svolga il Presidente del Consiglio Europeo;

– cosa sia il Consiglio Europeo.

* * * * * * *

«Donald Franciszek Tusk (Danzica, 22 aprile 1957) è un politico polacco, attuale Presidente del Consiglio europeo. ….

Donald Tusk appartiene alla minoranza slava dei casciubi, prevalentemente concentrata nella zona di Danzica, sua città natale . ….

Il 24 gennaio 2001, insieme a Andrzej Olechowski e Maciej Płażyński, fondò la Piattaforma Civica (Platforma Obywatelska). ….

Il 30 agosto 2014 il Consiglio europeo lo ha eletto a succedere ad Herman Van Rompuy come suo presidente; il suo nuovo incarico ha avuto inizio il 1º dicembre 2014» [Fonte]

*

«Il presidente del Consiglio europeo è colui che presiede e coordina i lavori del Consiglio europeo ed è il principale rappresentante dell’Unione europea nelle sue relazioni esterne. ….

Il presidente del Consiglio resta in carica due anni e mezzo, e il suo mandato può essere rinnovato una sola volta. ….

I poteri e le funzioni del presidente del Consiglio europeo sono indicate dall’articolo 15, comma 6 del Trattato sull’Unione Europea (TUE) come consolidato a seguito del Trattato di Lisbona:

«Il presidente del Consiglio europeo:

– presiede e anima i lavori del Consiglio europeo;

– assicura la preparazione e la continuità dei lavori del Consiglio europeo, in cooperazione con il presidente della Commissione e in base ai lavori del Consiglio “Affari generali”;

– si adopera per facilitare la coesione e il consenso in seno al Consiglio europeo;

– presenta al Parlamento europeo una relazione dopo ciascuna delle riunioni del Consiglio europeo.

Il presidente del Consiglio europeo assicura, al suo livello e in tale veste, la rappresentanza esterna dell’Unione per le materie relative alla politica estera e di sicurezza comune, fatte salve le attribuzioni dell’Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza.

Il presidente del Consiglio europeo non può esercitare un mandato nazionale.» [Fonte]

*

«Il Consiglio europeo è un organo che si riunisce periodicamente per definire “le priorità e gli orientamenti politici generali” dell’Unione europea ed esaminare i principali problemi del processo di integrazione. ….

Non va confuso con un’altra istituzione dell’Unione europea: il Consiglio dell’Unione europea, che detiene il potere legislativo dell’Unione al pari del Parlamento europeo. Non va confuso nemmeno col Consiglio d’Europa, il quale è una organizzazione internazionale indipendente dall’Unione europea. ….

Nell’ultimo di tali vertici, tenutosi a Parigi nel 1974, fu deciso di tenere regolarmente riunioni di capi di Stato e di governo chiamandole Consigli Europei al fine di approfondire l’esame dei problemi relativi alla costruzione europea e dare maggiore coesione alle iniziative della Comunità.

Le regole di funzionamento, inizialmente non previste dai trattati, hanno assunto con il tempo un carattere più formale e sono state definite nel corso di alcune riunioni del Consiglio Europeo stesso. ….

È rimasta tuttavia la natura giuridica anomala e ambigua del Consiglio, dal momento che la sua creazione non è prevista nei trattati istitutivi della comunità. Se da un lato la volontà politica degli Stati membri di creare uno strumento flessibile, capace di agire liberamente al di fuori degli schemi istituzionali comunitari ha consentito a quest’organo di agire spesso in maniera efficace e positiva per lo sviluppo del processo comunitario (passaggio alla fase definitiva del mercato comune, risorse proprie, sistema monetario, negoziato per l’adesione di nuovi stati, elezione diretta del Parlamento, ecc.), dell’altro lato bisogna considerare che risulta tuttora sprovvisto di qualunque forma di controllo democratico e giurisdizionale sul piano comunitario, in quanto non sottoposto alle regole procedurali dei trattati istitutivi né a limiti di competenza» [Fonte]

* * * * * * *

Nelle ultime elezioni politiche del 2015 il partito PiS, Diritto e Giustizia, ha ottenuto 235 / 460 deputati in parlamento (Sejm) e 61 / 100 senatori in senato (Senat). Ha conseguito la maggioranza assoluta, nominando Presidente Andrzej Duda e Primo Ministro Beata Szydło.

Mr Donald Tusk era già stato eletto Presidente del Consiglio Europeo, ma milita nel partito Piattaforma Civica (Platforma Obywatelska, PO), che è all’opposizione in Polonia, e da Presidente ha sempre osteggiato le posizioni politiche prese dall’attuale Governo polacco.

Mr Tusk è un liberal, europeista convinto, molto vicino alla linea politica di Frau Merkel.

Molto logico quindi che Mrs Beata Szydło non ne caldeggi la rielezione per il secondo mandato.

*

«Tusk’s 30-month term as the president of the European Council is due to end on May 31.»

*

«The governing Law and Justice (PiS) party confirmed on Saturday that Poland will not support Tusk’s bid for a second term.»

*

«I have just sent a diplomatic note to propose the candidacy of Jacek Saryusz-Wolski for the presidency of the European Council»

*

«The Polish Foreign Ministry on Saturday officially announced that Civic Platform (PO) Member of European Parliament Jacek Saryusz-Wolski would be forwarded as Warsaw’s candidate for the post of European Council president»

*

«PiS spokesperson Beata Mazurek said on Saturday that Tusk had “supported baseless sanctions against Poland,” referring to the European Commission’s threats to reduce Warsaw’s EU voting rights»

*

«PiS has accused Tusk of violating the principle of neutrality against a member state, engaging in EU actions against Polish interests, as well as supporting the Polish opposition»

*

«Tusk – a former prime minister of Poland and co-founder of PO, the largest opposition grouping in parliament – is president of an institution that brings together the 28 heads of state and government will play a crucial role in Britain’s negotiations to exit the EU»

* * * * * * *

Il Presidente del Consiglio Europeo gioco un ruolo cardine nella gestione del Consiglio, e questo anno sarà delicatissimo. Si dovrà gestire dapprima il Brexit, quindi gli effetti delle elezioni politiche in Olanda e poi in Francia, per finire a quelle federali tedesche. Il tutto tenendo anche conto che adesso l’Amministrazione americana è retta da Mr Trump, che non ha ancora pienamente delineato tutte le sue idee politiche ed economiche nei confronti dell’Unione Europea. Si tenga infine conto della devoluzione socialista in atto e della severità della situazione greca.

Ecco perché la lotta per la successione è serrata.


Deutsche Welle. 2017-03-05. Warsaw formally ditches support for Tusk EU candidacy

Warsaw has forwarded an MEP from an opposition party as its candidate for the European Council presidency to succeed incumbent Donald Tusk. The move smacks of scores being settled and looks likely to end in failure.

*

The Polish Foreign Ministry on Saturday officially announced that Civic Platform (PO) Member of European Parliament Jacek Saryusz-Wolski would be forwarded as Warsaw’s candidate for the post of European Council president, the Polish press agency PAP reported. 

“I have just sent a diplomatic note to propose the candidacy of Jacek Saryusz-Wolski for the presidency of the European Council,” PAP cited Foreign Minister Witold Waszczykowski saying.

The governing Law and Justice (PiS) party confirmed on Saturday that Poland will not support Tusk’s bid for a second term.

Tusk’s 30-month term as the president of the European Council is due to end on May 31. Malta, which currently holds the council’s rotating six-month presidency, will oversee the process of choosing the council chair.

The European Commission has on several occasions chastised Warsaw for allegedly undermining democratic norms and institutions since coming to power in October 2015, a claim PiS vehemently denies.

Settling old domestic scores

PiS spokesperson Beata Mazurek said on Saturday that Tusk had “supported baseless sanctions against Poland,” referring to the European Commission’s threats to reduce Warsaw’s EU voting rights if it failed to end its ongoing constitutional crisis.

PiS has accused Tusk of violating the principle of neutrality against a member state, engaging in EU actions against Polish interests, as well as supporting the Polish opposition.

Tusk – a former prime minister of Poland and co-founder of PO, the largest opposition grouping in parliament – is president of an institution that brings together the 28 heads of state and government will play a crucial role in Britain’s negotiations to exit the EU.

PiS leader Jaroslaw Kaczynski has said Tusk was in favor of financial penalties for EU member states that do not accept a quota of refugees, which the Polish government opposes. “We simply cannot support such a person,” he added.

Waszczykowski said in January that Tusk was an “icon of evil and stupidity” and that he should stay “far away from Poland.” Kaczynski also holds Tusk “morally responsible” for the death of his twin brother, President Lech Kaczynski, in a plane crash in Russia in 2010, when Tusk was Poland’s prime minister.

Tusk supported in corridors that matter

EU leaders believe Tusk has proven himself in his handling of issues such as Greece’s economic woes, the bloc’s migration crisis and the Brexit vote.

“There is only one official candidate so far,” a spokesman for the Maltese presidency of the EU said.

“Everybody is… scratching their heads in disbelief (over Warsaw’s stance). It just shows that Poland and its leader Kaczynski are completely out of touch with European politics,” the first senior EU official said.

“The candidacy of Jacek Saryusz-Wolski is completely unrealistic,” said Tomasz Siemoniak, deputy head of PO.

Privately, Hungarian officials have reportedly said their government favors Tusk’s re-election, but publicly Hungarian Prime Minister Viktor Orban has yet to announce a preference.

Annunci

Un pensiero riguardo “Polonia sfiducia Tusk e propone Saryusz-Wolski come Presidente.

I commenti sono chiusi.