Pubblicato in: Amministrazione, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Partecipate Pubbliche. 9,867 attività con 846,283 addetti.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-01-01.

banda-bassotti-y

L’Istat ha rilasciato il report «Partecipate pubbliche in Italia» [Sommario, Testo, Tavole]

«Nel 2014 le unità economiche partecipate dal settore pubblico sono 9.867 ed impiegano 846.283 addetti. Pur in numero limitato, presentano una dimensione media elevata (117 addetti per impresa attiva) ed operano prevalentemente in settori ad alta intensità di capitale come quelli energetici, infrastrutturali e dei servizi avanzati.

Rispetto al 2013, il numero delle unità partecipate si è ridotto del 10% e gli addetti del’11,2%.

Il 62,5% delle unità analizzate è a controllo pubblico, ossia è sottoposto al potere di indirizzo decisionale di soggetti pubblici, mentre per le altre l’influenza del settore pubblico può essere significativa ma non è determinante.

Tra le unità a partecipazione pubblica, le imprese attive sono 6.927 e impiegano 810.405 addetti, (95,8% degli addetti di tutto l’insieme). Le imprese non attive che nel 2014 hanno presentato una dichiarazione contabile o fiscale, sono invece 1.138 (-9,7% rispetto all’anno precedente).

Le partecipate svolgono prevalentemente attività di produzione di servizi. I settori con il maggior numero di imprese attive sono le Attività professionali, scientifiche e tecniche (14,3% sono partecipate con il 3,1% degli addetti) e il Trasporto e magazzinaggio (rispettivamente 10,9% e 41,9%).

Le imprese attive partecipate da almeno una amministrazione pubblica regionale o locale ammontano a 5.549,per un totale di 391.295 addetti.

Le imprese attive a controllo pubblico sono 4.515 ed impiegano 649.644 addetti. Al netto delle attività finanziarie e assicurative, generano quasi 56 miliardi di valore aggiunto, pari al 10,6% di quello realizzato dal complesso delle imprese dell’industria e dei servizi.

La produttività del lavoro, misurata in termini di valore aggiunto per addetto, è del 50% superiore a quella delle aziende con le stesse forme giuridiche non partecipate dal pubblico (oltre 86,5 mila euro rispetto a circa 57,2 mila). Questo effetto è ampiamente determinato dalla differente composizione settoriale e dimensionale delle partecipate pubbliche.

Le controllate pubbliche in perdita sono il 27,6% del totale, quota inferiore rispetto al 35,1% registrato per le imprese non controllate da soggetti pubblici. Le perdite ammontano a circa 855 milioni di euro nel 2014, gli utili a oltre 1,9 miliardi, con un saldo complessivo positivo per poco più di 1 miliardo di euro.»

*

Nella Regione Lazio esistono ben 666 società partecipate che assommano 389,186 dipendenti. In poche parole, circa la metà dei dipendenti di tutte le partecipate nazionali. Non ci si stupisce minimamente che siano “666”.

*

9,867 società partecipate implica la presenza in essere di 9,867 amministratori delegati, 70 – 80,000 membri del consiglio di amministrazione, 120,000 dirigenti, circa.

Tutte nomine di natura politica, tutte cariche pagate con il denaro del Contribuente.

Poi ci si stupisce che sia venuta la rivoluzione francese e che abbia tagliato così tante teste.

*

2016-12-30__istat_partecipate__001

2016-12-30__istat_partecipate__002

2016-12-30__istat_partecipate__003

2016-12-30__istat_partecipate__004

2016-12-30__istat_partecipate__005

2016-12-30__istat_partecipate__006

2016-12-30__istat_partecipate__007

2016-12-30__istat_partecipate__008

2016-12-30__istat_partecipate__009

Annunci

Un pensiero riguardo “Partecipate Pubbliche. 9,867 attività con 846,283 addetti.

I commenti sono chiusi.