Pubblicato in: Banche Centrali, Criminalità Organizzata, Devoluzione socialismo

Bankitalia. Debito sovrano salito a 2,223.770 milioni di euro.

Giuseppe Sandro Mela.

2016-12-15.


Banca di Italia ha rilasciato oggi i “Supplementi al Bollettino Statistico». Finanza pubblica, fabbisogno e debito, n. 67, 2016.

2016-12-15__bankitalia__001

*

«Torna a salire a ottobre, dopo la discesa di settembre, il debito pubblico italiano che si è attestato a 2.223,8 miliardi, in aumento di 11,2 miliardi rispetto al mese precedente.

Lo rende noto la Banca d’Italia secondo cui l’incremento è dovuto all’aumento delle disponibilità liquide del Tesoro per 8,4 miliardi, a 47,7 miliardi (erano pari a 81,7 miliardi alla fine di ottobre del 2015), e al fabbisogno mensile delle Amministrazioni pubbliche (2,9 miliardi).

In particolare, spiega l’istituto centrale, con riferimento ai sottosettori, il debito delle Amministrazioni centrali è aumentato di 12,2 miliardi, quello delle Amministrazioni locali è diminuito di 1,1 miliardi; il debito degli Enti di previdenza è rimasto pressoché invariato.

Nei primi dieci mesi del 2016, il debito delle Amministrazioni pubbliche è aumentato di 51,1 miliardi. L’incremento riflette il fabbisogno (45,3 miliardi) e l’aumento delle disponibilità liquide del Tesoro (12,0 miliardi); in senso opposto ha operato, per 6,2 miliardi, l’effetto complessivo degli scarti e dei premi all’emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione del tasso di cambio.» [Fonte]

Annunci