Pubblicato in: Scienza & Tecnica

Piume di uccello di 99 milioni di anni trovati nell’ambra.

Giuseppe Sandro Mela.

2016-10-27.

 2016-06-29__Ambra__001

Non è infrequente trovare nei reperti fossili ai ambra piccoli insetti od altre forme biologiche.

L’involucro pietrificato ce li riporta così come erano all’epoca: usualmente, dai cinquanta ai centoventi milioni di anni fa.

Di recente la scoperta di un pezzo d’ambra di notevoli dimensioni, che racchiude le piume di un uccello vissuto attorno ai cento milioni di anni fa.

2016-06-29__Ambra__002

«Two wings from birds that lived alongside the dinosaurs have been found preserved in amber»

*

«The “spectacular” finds from Myanmar are from baby birds that got trapped in the sticky sap of a tropical forest 99 million years ago»

*

«Exquisite detail has been preserved in the feathers, including traces of colour in spots and stripes»

*

2016-06-29__Ambra__003png

Cosa è l’ambra?

«Ambra (in greco antico ἤλεκτρον, elektron) è un termine usato in passato come sinonimo di resina fossile e di resinite e questa ambiguità è stata fonte di fraintendimenti e confusione. In particolare, nella letteratura europea antica, il termine ambra è stato usato in senso molto restrittivo per identificare la “succinite”, la varietà di ambra baltica più importante dal punto di vista gemmologico, ed ancora oggi questa accezione è molto comune, probabilmente per l’importanza commerciale che questa varietà di ambra ha rivestito nella storia europea.

Nella comunità scientifica oggi, per ambra si intende una qualsiasi resina fossile, e le sue varietà vengono identificate secondo la provenienza geografica.

L’ambra è emessa dalle conifere sotto forma di resina, che successivamente con il tempo si fossilizza ed in alcuni casi si solidifica conservando resti vegetali, fungini o animali tra cui artropodi ma anche, molto più raramente, vertebrati. Essa è traslucida, di un colore che può variare dal giallo al rossiccio al bruno fino ad arrivare al verde. Può contenere insetti che rimasero imprigionati al momento della sua formazione. Attualmente si raccoglie comunemente in Polonia, Lituania, Lettonia, Russia, Danimarca, Germania e Svezia. La sua lavorazione è molto diffusa nei paesi che si affacciano al mar Baltico quali: Polonia, Lituania, Lettonia, Germania e Svezia. L’ambra viene impiegata nella produzione di impugnature di bastoni, collane, orecchini, braccialetti, anelli, bocchini per sigarette e cannelli di pipe.

L’ambra fossile è stata ritrovata anche in sedimenti di età carbonifera, periodo geologico antecedente la comparsa delle angiosperme. Questa ambra presenta caratteristiche chimiche simili alle ambre più recenti, indicando che i meccanismi biologici in grado di produrre queste resine erano già presenti antecedentemente l’evoluzione delle angiosperme.» [Fonte].

*

Nota.

La terra ha un’età stimata di circa 4.5 miliardi di anni.

Orbene, se 100 milioni di anni or sono gli uccelli avevano già le piume formate come oggi, la teoria del’evoluzione è una pura e semplice bufala: semplicemente non avrebbe avuto il tempo di svolgersi. Non ditelo a Soros se no si irrita. E non ditelo nemmeno a quei lumaconi che ancora ci credono senza nemmeno essere stipendiati da Soros.

 

2016-06-29__Ambra__004png

 

Bbc. 2016-06-29. Ancient birds’ wings preserved in amber

Two wings from birds that lived alongside the dinosaurs have been found preserved in amber.

The “spectacular” finds from Myanmar are from baby birds that got trapped in the sticky sap of a tropical forest 99 million years ago.

Exquisite detail has been preserved in the feathers, including traces of colour in spots and stripes.

The wings had sharp little claws, allowing the juvenile birds to clamber about in the trees.

The tiny fossils, which are between two and three centimetres long, could shed further light on the evolution of birds from their dinosaur ancestors.

The specimens, from well-known amber deposits in north-east Myanmar (also known as Burma), are described in the journal Nature Communications.

Co-author Prof Mike Benton, from the University of Bristol, said: “The individual feathers show every filament and whisker, whether they are flight feathers or down feathers, and there are even traces of colour – spots and stripes.”

The hand anatomy shows the wings come from enantiornithine birds, which comprised a major bird grouping in the Cretaceous Period. However, the enantiornithines died out at the same time as the dinosaurs, 66 million years ago.

Dr Steve Brusatte, a vertebrate palaeontologist at Edinburgh University, described the fossils as “spectacular”.

He told BBC News: ” They’re fantastic – who would have ever thought that 99-million-year-old wings could be trapped in amber?

“These are showcase specimens and some of the most surprising fossils I’ve seen in a long time. We’ve known for a few decades that many dinosaurs had feathers, but most of our fossils are impressions of feathers on crushed limestone slabs.

“Three dimensional preservation in amber provides a whole new perspective and these fossils make it clear that very primitive birds living alongside the dinosaurs had wings and feather arrangements very similar to today’s birds.”

The international team of researchers used advanced X-ray scanning techniques to examine the structure and arrangement of the bones and feathers.

Claw marks in the amber suggest the birds were still alive when they were engulfed by the sticky sap.

Dr Xing Lida, the study’s lead author, explained: “The fact that the tiny birds were clambering about in the trees suggests that they had advanced development, meaning they were ready for action as soon as they hatched.

“These birds did not hang about in the nest waiting to be fed, but set off looking for food, and sadly died perhaps because of their small size and lack of experience.

“Isolated feathers in other amber samples show that adult birds might have avoided the sticky sap, or pulled themselves free.”

Annunci